domenica, Giugno 23, 2024
HomePolitica EsteraDonald Trump incriminato per il caso dei documenti classificati

Donald Trump incriminato per il caso dei documenti classificati

Donald Trump annuncia di essere stato incriminato per aver trattenuto documenti classificati. È il primo ex presidente degli Stati Uniti accusato di reati federali e viene indagato per sette crimini.

Un nuovo fronte penale si apre per Donald Trump. L’ex presidente degli Stati Uniti ha annunciato giovedì che sarà incriminato per l’indagine relativa alla ritenzione di centinaia di documenti classificati che ha portato dalla Casa Bianca a Mar-a-Lago, la sua residenza e club privato sulla costa della Florida.

“La corrotta amministrazione Biden ha informato i miei avvocati che sono stato incriminato, apparentemente, per l’inganno delle scatole”, ha detto riferendosi alle scatole di documenti che gli investigatori della procura hanno sequestrato nella sua residenza la scorsa estate.

Trump ha fatto l’annuncio sul suo account del suo social network, Truth Social, dove ha anche accusato il suo successore, Joe Biden, di aver trattenuto più documenti riservati rispetto a lui e ha dichiarato: “Sono un uomo innocente”.

“Non credevo mai che questo potesse accadere a un ex presidente degli Stati Uniti”, ha aggiunto Trump, in una dichiarazione simile a quella fatta quando fu incriminato all’inizio dell’anno. In quel caso, furono i pagamenti per mettere a tacere una relazione extraconiugale con un’attrice porno, Stormy Daniels, nei giorni precedenti le elezioni presidenziali del 2016, che lo portarono alla Casa Bianca.

Trump ha spiegato che dovrà comparire in un tribunale federale di Miami il prossimo martedì alle tre del pomeriggio (nove di sera in Italia).

L’ex presidente è oggetto di un’indagine guidata da un procuratore speciale, Jack Smith, incaricato del caso dal procuratore generale degli Stati Uniti, Merrick Garland.

Donald Trump saluta la folla all’uscita dal tribunale

L’indagine è iniziata l’anno scorso, dopo che Donald Trump si è opposto alle richieste degli Archivi Nazionali, incaricati di raccogliere tutti i documenti dell’attività presidenziale, di restituire documenti e materiali che si credevano fossero a Mar-a-Lago. Dopo negoziati e scambi con la procura, l’FBI ha effettuato una perquisizione nella residenza della Florida all’inizio di agosto, dove sono stati sequestrati 103 documenti, nonostante il team di Trump avesse assicurato di aver consegnato tutti i materiali.

Da allora, gli investigatori hanno anche raccolto prove sugli sforzi di Trump per ostacolare il lavoro di recupero dei documenti classificati. Le autorità hanno ottenuto testimonianze di testimoni e registrazioni delle telecamere di sorveglianza di Mar-a-Lago che potrebbero indicare che Trump o i suoi assistenti hanno cercato di evitare la consegna dei documenti.

Secondo fonti vicine al caso consultate dal ‘The New York Times’, l’ex presidente potrebbe ricevere sette capi d’accusa, che sarebbero legati alla ritenzione deliberata di documenti classificati, falsa testimonianza e cospirazione per ostacolare l’azione della giustizia.

Uno degli avvocati di Donald Trump, Alina Habba, ha affermato in un’intervista su Fox News che l’indagine sull’ex presidente è “assolutamente una persecuzione, qualcosa di tipico della Russia, del terzo mondo. Non dovrebbe accadere”.

L’imputazione che lo aspetta a Miami sarà la prima con capi d’accusa federali per un ex presidente degli Stati Uniti. Trump è stato il primo ex presidente a ricevere capi d’accusa penali lo scorso aprile, per il caso di Daniels, ma erano statali, all’interno della giurisdizione di New York. In quell’occasione, il procuratore distrettuale di Manhattan, Alvin Bragg, gli impose 34 reati minori legati alla falsificazione di documenti finanziari.

Il processo relativo a questo caso newyorkese non inizierà fino a marzo dell’anno prossimo, in piena campagna per le primarie repubblicane. L’importanza dell’imputazione a Trump non è solo per la sua condizione storica di ex presidente, ma perché il miliardario newyorkese è la figura di maggior peso in uno dei due grandi partiti degli Stati Uniti e il grande favorito per ottenere la nomination repubblicana per le elezioni presidenziali dell’anno prossimo.

L’imputazione a New York ha provocato un aumento di Trump nei sondaggi e un aumento delle donazioni. È probabile che ciò si ripeta con la nuova imputazione, che coincide con un momento in cui il panorama delle primarie sta prendendo forma. Nelle ultime settimane, i principali candidati a sfidarlo hanno presentato le loro candidature. È il caso di Ron DeSantis, governatore della Florida, o Mike Pence, che è stato il suo vicepresidente.

Poco dopo la notizia dell’imputazione, l’ufficio delegato a seguire la campagna di Trump ha inviato un’email ai suoi milioni di seguaci in cui accusava l’amministrazione Biden di “atto disgustoso di interferenza elettorale da parte del partito al potere per eliminare l’opposizione e accumulare un controllo totale sul partito”. Trump si impegnava a non arrendersi “mai” e chiedeva contributi per la sua campagna elettorale.

Biden, che ha cercato di tenersi fuori dai problemi legali di Trump, non ha reagito immediatamente alla notizia dell’imputazione. Anche il presidente degli Stati Uniti è oggetto di un’indagine sulla ritenzione di documenti relativi ai suoi anni da vicepresidente nella Casa Bianca di Barack Obama. Al momento, non ci sono indicazioni che tale indagine sia vicina alla conclusione.

RELATED ARTICLES

Ultime News