domenica, Giugno 23, 2024
HomePolitica EsteraAccordo storico dell'UE per affrontare la crisi migratoria

Accordo storico dell’UE per affrontare la crisi migratoria

L’Unione Europea ha raggiunto un accordo storico per far fronte alla crisi migratoria. Questo accordo sulla migrazione mette fine a anni di discussioni risalenti, soprattutto, al 2015, quando più di un milione di persone – la maggior parte in fuga dalla guerra in Siria – arrivarono sul territorio europeo attraverso il Mediterraneo.

Secondo Bruxelles, questa è “una situazione in cui tutti vincono” – riferendosi a tutti gli Stati membri dell’UE. “È un grande risultato che dimostra che è possibile lavorare insieme sulla questione dell’immigrazione. Siamo molto più forti quando lavoriamo insieme”, ha dichiarato Ylva Johansson, Commissaria europea per gli Affari Interni.

Un tema spinoso

Nell’ultima decade, l’accoglienza dei migranti è diventata un tema sempre più controverso nell’UE. Incapaci di trovare un accordo su come condividere la responsabilità, i paesi membri si sono concentrati principalmente sulla riduzione degli arrivi.

I dati dell’ONU mostrano che meno di 160.000 persone sono riuscite a attraversare il mare l’anno scorso per raggiungere il blocco europeo, dove vivono circa 500 milioni di abitanti. Nello stesso periodo, quasi 2.500 persone sono morte o scomparse durante il pericoloso viaggio.

I paesi del sud del blocco, come Italia e Grecia, hanno chiesto più aiuto per affrontare il numero di persone che arrivano sulle loro coste. I paesi più ricchi, come Germania e Svezia, a volte si sono mostrati restii di fronte al numero di persone che arrivano nei loro territori.

Giorgia Meloni, primo ministro italiano

Durante tutto questo tempo, le nazioni dell’Europa orientale, come Polonia e Ungheria, si sono rifiutate di accogliere persone provenienti dal Medio Oriente e dal Nord Africa, in maggioranza musulmani, mentre i partiti di destra e populisti di tutto il blocco hanno alimentato il dibattito con un discorso anti-immigrazione. “Si possono vincere o perdere elezioni in qualsiasi Stato membro per il tema dell’immigrazione. È un’indicazione di quanto sia controversa questa questione”, ha dichiarato un diplomatico dell’UE che ha partecipato ai negoziati.

L’accordo

Mentre altri ministri parlavano, la prima ministra italiana, Giorgia Meloni; il suo omologo olandese, Mark Rutte; e il capo dell’Esecutivo dell’UE hanno annunciato una visita in Tunisia per discutere dei legami economici ed energetici con il paese, porta d’ingresso della migrazione africana in Europa.

Poco prima, Italia e Grecia hanno chiesto cambiamenti dell’ultimo minuto nell’accordo provvisorio, premendo per ridurre il numero di persone che ogni stato accoglierebbe e per mitigare le norme per il rimpatrio delle persone in paesi non appartenenti all’UE.

Secondo l’accordo finalmente raggiunto, che sarà concluso prima delle elezioni europee del 2024, ogni paese sarà responsabile di un numero determinato di persone, ma non sarà obbligato ad accoglierle. Possono rifiutarsi di ospitare sul loro territorio richiedenti asilo provenienti da altri paesi comunitari se pagano 20.000 euro per ogni persona respinta.

L’accordo introdurrà una nuova procedura accelerata di frontiera per coloro che si ritiene abbiano scarse probabilità di ottenere asilo, al fine di evitare che rimangano all’interno del blocco per anni.

Due dei paesi che si sono mostrati più restii ad accogliere migranti marittimi, Polonia e Ungheria, si sono opposti all’accordo sostenendo che i leader nazionali del blocco dovrebbero tornare a trattare la questione quando si riuniranno a giugno. Ma ciò, alla fine, non ha fatto naufragare l’accordo maggioritario.

RELATED ARTICLES

Ultime News