martedì, Aprile 23, 2024
HomeCultura e SocietàBeyoncé, il gesto d'oro per salvare un ristorante nigeriano a Londra

Beyoncé, il gesto d’oro per salvare un ristorante nigeriano a Londra

Beyoncé ha donato 8.000 sterline a un ristorante di tapas nigeriano, come riporta Forbes. Il gesto d’oro della celebre cantante è parte di un impegno di un milione di dollari per sostenere le aziende di proprietà di imprenditori di colore a livello globale.

Beyoncé dona 8.000 sterline a un ristorante di tapas nigeriano

Chuku’s, che si è posizionato come il primo ristorante di tapas nigeriano al mondo, è stato selezionato come una delle dieci piccole imprese di Londra a ricevere un finanziamento di 8.000 sterline (circa 10.000 dollari) da BeyGOOD, l’iniziativa di beneficenza di Beyoncé.

Nonostante abbia ottenuto molte recensioni a cinque stelle da quando ha aperto i battenti all’inizio del 2020, Chuku’s ha superato numerose sfide. Non solo i blocchi multipli del COVID-19 ma anche la crisi del costo della vita in corso, solo per citarne alcuni.

La spinta finanziaria di BeyGOOD rappresenta una sorta di ancora di salvezza per i comproprietari Emeka e Ifeyinwa Frederick. La donazione consentirà infatti loro di navigare con maggiore sicurezza nel difficile panorama degli affari.

Non riesco ancora a credere che Beyoncé abbia sostenuto il nostro ristorante, sembra un po’ surreale“, dice Ifeyinwa. “Avevamo già sentito il suo impatto quando era in città e gli spettatori hanno scelto Chuku’s per il loro pasto pre-concerto, ma questo è un altro livello“.

Le prime parole dei comproprietari del ristorante

Chuku’s era tra le 500 aziende con sede a Londra che hanno richiesto la sovvenzione dal fondo Black Parade Route Impact di BeyGOOD, rendendo il riconoscimento ancora più significativo per i Fredericks.

Ricevere una sovvenzione come questa è davvero stimolante e può avere un impatto positivo per aiutarti ad andare avanti, date le sfide che abbiamo dovuto affrontare, avendo aperto quattro settimane e mezzo prima del primo lock-down“, afferma Ifeyinwa.

Emeka, suo fratello e comproprietario, ha notato l’impatto devastante dei blocchi del COVID-19 su Chuku’s. E ha affermato che “non abbiamo mai avuto l’opportunità di costruire basi solide dal punto di vista finanziario o commerciale“.

I fratelli Frederick hanno anche fatto luce sulle difficoltà più ampie affrontate da Chuku e da altre aziende all’indomani della pandemia.

Tra le difficoltà riscontrate vi sono le interruzioni della catena di approvvigionamento, l’aumento dei costi di gestione e una compressione a livello nazionale del reddito disponibile.

RELATED ARTICLES

Ultime News