sabato, Giugno 15, 2024
HomeEconomiaL'ascesa dell'anarco-capitalista con la motosega: Argentina sconvolta dalla vittoria di Milei

L’ascesa dell’anarco-capitalista con la motosega: Argentina sconvolta dalla vittoria di Milei

Secondo UnHerd, l’Argentina sta per affrontare un periodo di cambiamenti sconvolgenti con la vittoria di Javier Milei, un famoso economista con una motosega e capelli selvaggi, che si definisce “anarco-capitalista”. Questa inaspettata ascesa di un estremista di destra ha scosso l’establishment politico ed economico.

Secondo UnHerd, Milei ha vinto il ballottaggio presidenziale con il 56% dei voti contro il 44% del centrista Sergio Massa. Ora tocca all’Argentina sperimentare con un outsider di destra dalle idee forti, seguendo il trend di esperimenti simili in tutto il continente e oltre.

Tuttavia, Milei si troverà a governare un paese in gravi difficoltà, con una recessione economica, una percentuale di povertà del 40%, un’iperinflazione, un alto debito pubblico e un aumento della criminalità. Riuscirà a mettere in atto le sue misure radicali di “shock therapy”, come molti temono — e come molti altri sono abbastanza disperati da provare? Gli indicatori sembrano essere contrari, anche se è difficile prevedere cosa aspettarsi da un uomo che persino il suo biografo ha definito “instabile”.

La vittoria di Milei non era scontata. Il suo partito, La Libertad Avanza, ha ottenuto il maggior numero di voti nelle primarie aperte di agosto, una sorta di prova generale per le elezioni stesse. Tuttavia, quando il Ministro dell’Economia Massa ha vinto il primo turno il mese scorso con 9,8 milioni di voti contro gli 8 milioni di Milei, alcuni si sono chiesti se gli argentini fossero meno inclini al rischio di quanto ci si aspettasse.

Alla fine, Massa è stato sconfitto. I leader della coalizione di centro-destra anti-Peronista, tra cui la candidata sconfitta alla presidenza Patricia Bullrich e l’ex presidente neoliberal Mauricio Macri — entrambi bersagliati da Milei — hanno appoggiato il libertario. Questo ha probabilmente avuto un ruolo decisivo, così come il fatto che l’inflazione sia al 140%. Massa, che proviene dall’ala moderata della coalizione Peronista nazionalista e populista, ha cercato di prendere le distanze dalla precedente amministrazione più orientata a sinistra, ma è sempre stata una vendita difficile.

Nonostante l’estremismo di Milei, ha abbandonato molte delle sue promesse nelle ultime settimane di campagna elettorale. L’uomo che aveva dichiarato di voler abolire la banca centrale, sostituire il peso argentino con il dollaro e tagliare numerosi ministeri governativi, ha successivamente affermato di voler preservare le pensioni, le politiche di assistenza sociale, la sanità pubblica e l’istruzione. È anche importante ricordare che si tratta di un libertario così radicale da aver parlato di permettere il commercio di organi umani (una politica che ha recentemente abbandonato).

Cosa possiamo aspettarci da un governo Milei? A livello personale, Milei è appassionato e incline a scoppi di rabbia, come dimostrato in una recente intervista televisiva in cui ha dichiarato di sentire voci che non esistevano. Questo potrebbe non sorprendere considerando che sostiene di comunicare con il suo cane defunto.

Massa, naturalmente, ha cercato di sfruttare questi comportamenti erratici.

RELATED ARTICLES

Ultime News