sabato, Giugno 15, 2024
HomeEconomiaIl rompicapo occupazionale: numeri che non quadrano!

Il rompicapo occupazionale: numeri che non quadrano!

L’interpretazione dell’economia è spesso come mettere insieme i pezzi di un puzzle complicato. Ci sforziamo di unire i vari elementi in modo da ottenere un quadro chiaro, ma purtroppo i dati non sempre cooperano.

Questo è esattamente ciò che è successo con il rapporto sull’occupazione di ottobre appena pubblicato. Da un lato, possiamo notare la crescita di 150.000 posti di lavoro segnalata nel sondaggio delle istituzioni e dire che abbiamo avuto un altro mese di solida crescita occupazionale, anche se più lenta. Questo è particolarmente impressionante se consideriamo i circa 30.000 lavoratori che non sono stati conteggiati a causa dello sciopero UAW. Questi lavoratori saranno inclusi nei dati di novembre, ora che lo sciopero è terminato.

Tuttavia, il sondaggio sulle famiglie ci offre una visione molto diversa. Mostra un ulteriore aumento dello 0,1% del tasso di disoccupazione, portandolo al 3,9%. Sebbene questo valore rimanga molto basso rispetto al passato, rappresenta un aumento di 0,5 punti percentuali rispetto ad aprile. Inoltre, il sondaggio sulle famiglie mostra una reale diminuzione dell’occupazione, con 348.000 persone in meno che dichiarano di essere occupate rispetto a settembre.

Questa discrepanza continua una tendenza che si è manifestata a partire da aprile. Negli ultimi sei mesi, il sondaggio delle istituzioni ha riportato un aumento di 1.234.000 posti di lavoro, mentre il sondaggio sulle famiglie ha mostrato un aumento effettivo di soli 191.000 persone occupate.

Storicamente, queste differenze tra i due sondaggi sono state osservate, ma durante la ripresa dalla pandemia, la discrepanza dell’anno scorso aveva suscitato preoccupazioni significative. Tra gennaio e dicembre 2022, il sondaggio delle istituzioni indicava la creazione di 4.430.000 posti di lavoro, mentre il sondaggio sulle famiglie segnalava un aumento dell’occupazione di soli 2.120.000 posti, creando una differenza di oltre 2.300.000 posti di lavoro.

Questa differenza è stata notevolmente ridotta quando il Bureau of Labor Statistics (BLS) ha introdotto nuovi controlli demografici a gennaio, basati sui dati del censimento, che hanno aggiunto 954.000 al totale dell’occupazione. Inoltre, la crescita occupazionale nel sondaggio delle istituzioni è stata rivista al ribasso di circa 300.000 posti nel processo di revisione annuale basato sulle dichiarazioni di disoccupazione degli stati. Ciò ha comunque lasciato una differenza significativa, ma inferiore rispetto a quanto riportato in precedenza. (Parte di questa differenza è dovuta a differenze nelle definizioni, in particolare alla diminuzione dell’autooccupazione nel 2022, che avrebbe influenzato il sondaggio sulle famiglie ma non i dati delle istituzioni.)

Quando i dati sono divergenti, è prudente dare priorità al sondaggio delle istituzioni. Questo perché il sondaggio delle istituzioni ha un campione molto più ampio e un tasso di risposta significativamente più alto, intervistando 651.000 istituzioni ogni mese, rispetto alla copertura del sondaggio sulle famiglie di 60.000 nuclei familiari.

RELATED ARTICLES

Ultime News