lunedì, Giugno 24, 2024
HomeCultura e SocietàFabrizio Corona in tribunale: la richiesta del passaporto per lavorare negli USA

Fabrizio Corona in tribunale: la richiesta del passaporto per lavorare negli USA

Nell’ultima udienza al Tribunale di Milano, Fabrizio Corona ha espresso il desiderio di riavere il passaporto per poter lavorare negli Stati Uniti, sottolineando la sua intenzione di realizzare documentari. La richiesta è stata avanzata durante l’udienza di revoca delle misure di prevenzione, che i giudici hanno rinviato al 21 marzo.

Richiesta del passaporto e la Visione di Fabrizio Corona

Fabrizio Corona, che ha recentemente concluso una pena detentiva di oltre 10 anni, ha dichiarato di aver saldato il suo debito con la giustizia e ora, a quasi 50 anni, desidera dedicarsi esclusivamente al lavoro e al successo. Tuttavia, la richiesta di riavere il passaporto è stata contestata dalla Questura di Milano, che lo considera ancora socialmente pericoloso.

La difesa di Fabrizio Corona e la sua condotta legale

Durante l’udienza, Corona ha difeso la sua condotta legale, sottolineando di non violare la legge dal 2007-2008 e di essere attualmente impegnato in attività giornalistiche, inclusa la collaborazione con la Procura di Torino sulla inchiesta calcioscommesse. Ha chiesto ai giudici di prendere in considerazione il suo impegno e ha ribadito di vivere regolarmente, facendo riferimento anche al suo ritorno in Rai dopo 12 anni e all’apertura di una testata giornalistica.

Dubbi sulla diffusione delle informazioni

La presidente del collegio, Maria Gaetana Rispoli, ha sollevato dubbi sulla diffusione delle informazioni da parte di Corona, sottolineando la necessità di comprendere come queste notizie vengano diffuse. Corona ha risposto affermando di avere fonti affidabili e di condividere il suo lavoro con i pm di Torino, evidenziando la collaborazione sulla inchiesta calcioscommesse.

Fabrizio Corona
Fabrizio Corona (foto ANSA)

Rinvio dell’udienza e richieste aggiuntive dei giudici

L’udienza è stata rinviata al 21 marzo, e nel frattempo i giudici hanno richiesto relazioni sul percorso detentivo degli ultimi 5 anni, documentazione sull’attività lavorativa e le condizioni di vita di Corona. Inoltre, il pm Mauro Clerici è incaricato di verificare l’esito degli ultimi procedimenti a carico di Corona. Tra queste le richieste di rinvio a giudizio per bancarotta e tentata estorsione.

Le ultime denunce e le parole di Fabrizio Corona

Nelle scorse settimane, è emerso che i calciatori Stephan El Shaarawy e Nicolò Casale hanno querelato Corona per diffamazione. Quest’ultimo ha risposto attaccando anche una giudice della Sorveglianza che in passato ha preso decisioni su di lui. Corona ha sottolineato la sua sicurezza nel lavoro svolto e ha affermato di avere attualmente 1,5 milioni di follower.

Conclusione

La vicenda legale di Fabrizio Corona continua a tenere banco. Si aggiunge la sua richiesta di riavere il passaporto per realizzare i suoi progetti lavorativi negli Stati Uniti. Nel frattempo, la sua collaborazione con la giustizia sulla inchiesta calcioscommesse è al centro delle discussioni. Invece, il Tribunale valuta la revoca delle misure di prevenzione. La decisione finale è attesa per il 21 marzo. Corona, stanco dopo anni di processi, ha espresso il suo desiderio di trasferirsi in America, augurandosi solo di ottenere giustizia.

RELATED ARTICLES

Ultime News