mercoledì, Aprile 17, 2024
HomeCultura e SocietàFabrizio Corona sul caso scommesse, riceve un tapiro d'oro. Intanto la polizia...

Fabrizio Corona sul caso scommesse, riceve un tapiro d’oro. Intanto la polizia ha la chiavetta della fonte!

Fabrizio Corona ha ricevuto il decimo Tapiro d’oro, questa volta in seguito alle dichiarazioni fatte su Avanti popolo, il programma di Rai3 condotto da Nunzia De Girolamo. L’ex agente fotografico aveva sostenuto di essere stato “censurato”, ma la conduttrice aveva negato queste accuse quando raggiunta da Valerio Staffelli. Corona ha dichiarato: “Le prove che ho verranno condivise entro il 15 novembre su una piattaforma online libera. E dimostreranno che il 30% dei calciatori è coinvolto”.

Ha anche menzionato Nicolò Casale, affermando che lo stesso avvocato lo ha contattato per chiedergli se avesse le prove di ciò che aveva dichiarato. Questo ha sollevato dubbi su quanto fosse veritiero il suo racconto. Inoltre, ha affermato di aver ricevuto offerte di denaro in cambio del suo silenzio da parte di alcune persone. Tutto ciò è stato raccontato da Corona in un’intervista con Staffelli.

L’intervista di Fabrizio corona con Staffelli

Fabrizio Corona, in risposta all’assegnazione del Tapiro d’Oro da Striscia la Notizia, ha sottolineato la sua preoccupazione per i calciatori come Fagioli e Tonali. Ha dichiarato che, nonostante non sia un moralizzatore e che la sua condotta possa lasciare a desiderare, il suo intento era di evitare che questi giovani calciatori si indebitassero ulteriormente o si trovassero in situazioni pericolose. Credeva di averli potuti salvare da una vita di debiti. Ha affermato che dovrebbero ringraziarlo, poiché ha agito per il loro bene, fermandoli quando erano ancora giovani e inesperti.

Corona ha ricevuto il Tapiro per aver diffuso nomi e indiscrezioni legati all’inchiesta sulle scommesse illegali che coinvolge alcuni calciatori di Serie A. Ha ribadito che proverà la validità delle sue affermazioni e ha sfidato i giornalisti a scusarsi con lui una volta dimostrato il suo punto di vista. Inoltre, ha condiviso la sua delusione per la sua partecipazione a “Avanti popolo,” sostenendo di non aver avuto il tempo necessario per rivelare ulteriori nomi e dettagli dell’inchiesta. Ha criticato Nunzia De Girolamo e il programma per non avergli permesso di esprimersi completamente.

Corona ha anche rivelato che dopo le sue affermazioni, diversi calciatori, tra cui Nicolò Casale della Lazio, hanno minacciato di querelarlo. Casale avrebbe cercato di stabilire se Corona avesse effettive prove a supporto delle sue affermazioni. Alcune persone avrebbero addirittura offerto di corromperlo per evitare la divulgazione delle prove. Corona ha dichiarato che entro il 15 novembre presenterà tutte le prove in una trasmissione su una piattaforma online indipendente, spiegando il sistema e rivelando i nomi coinvolti, sostenendo che il 30% dei giocatori è coinvolto nell’inchiesta.

La polizia ha la chiavetta della fonte

In seguito alle recenti dichiarazioni di Fabrizio Corona, l’informazione è emersa, e Maurizio Petra, zio dell’ex calciatore dell’Inter Antonio Esposito e fonte delle informazioni rivelate da Corona, avrebbe consegnato alle autorità un file audio contenente ulteriori nomi di calciatori coinvolti nel caso delle scommesse.

Questo file sarebbe legato alla “chiavetta” di cui Corona aveva parlato in precedenza. Tuttavia, sebbene inizialmente fosse stata annunciata una lista di circa cinquanta scommettitori, finora sono stati rivelati soltanto due nomi. La chiavetta con i dati è stata consegnata volontariamente alle autorità di polizia per ulteriori indagini.

RELATED ARTICLES

Ultime News