martedì, Giugno 25, 2024
HomeCultura e SocietàClaudio Cecchetto rompe il silenzio sulla lite con Linus: "Radio Deejay fondata...

Claudio Cecchetto rompe il silenzio sulla lite con Linus: “Radio Deejay fondata con i miei soldi”

Adesso parla Claudio Cecchetto, il talent scout di fama mondiale, noto per aver fondato Radio Deejay nel lontano 1982. Questa volta, rompe il silenzio sulla recente lite con Linus, attuale direttore artistico della stessa emittente. Questo dopo che il figlio di Cecchetto, Jody, ha difeso il padre con un toccante video social in risposta alle dichiarazioni di Linus, che aveva definito “pochissimo interessante” il documentario su Claudio Cecchetto trasmesso da Rai 1.

Claudio Cecchetto: ricordi professionali e rapporto con Linus

In questa intervista esclusiva al Corriere della Sera, Cecchetto ha iniziato ricordando con nostalgia i giorni passati e la sua relazione professionale con Linus, che risale agli anni ’80. Ha sottolineato l’orgoglio nei confronti delle parole del figlio, definendolo un esempio di integrità e amore familiare. Questo evento ha portato Cecchetto a riflettere su una carriera che ha segnato profondamente la storia della radio italiana.

Cambio di proprietà e visioni divergenti

Il racconto di Cecchetto ha poi esplorato il cruciale punto di svolta del 1995, anno in cui Radio Deejay venne acquisita dal Gruppo L’Espresso di Carlo De Benedetti. Cecchetto ha rivelato dettagli sulla transizione, sottolineando che il Gruppo L’Espresso era diventato il nuovo proprietario al 50% e aveva iniziato a cambiare le regole del gioco. Ha approfondito il contrasto tra la sua missione artistica e la prospettiva del Gruppo L’Espresso orientata alla pubblicità e al fatturato.

Claudio Cecchetto
Claudio Cecchetto

La scelta di Claudio Cecchetto di lasciare

Con decisione, Cecchetto ha dichiarato che, considerando la situazione, non poteva rimanere sotto tali condizioni. Ha enfatizzato che Radio Deejay era la sua radio, fondata con i suoi soldi, e che la scelta di abbandonare la stazione era inevitabile di fronte a una visione contrapposta di gestione. Linus, una volta suo dipendente, aveva invece scelto di rimanere, diventando parte del Gruppo L’Espresso.

Reazione di Linus e la risposta di Claudio Cecchetto

Quando la conversazione si è spostata sulla recente lite, Cecchetto ha dichiarato che gli attacchi provenivano da Linus e che lui non ha mai avuto l’intenzione di attaccare nessuno. Ha suggerito di rivolgere domande a Linus per capire le motivazioni dietro i commenti. Questa affermazione sottolinea la volontà di Cecchetto di non alimentare polemiche, ma piuttosto di concentrarsi sulla sua prospettiva.

Documentario e valori artistici

Infine, Cecchetto ha affrontato il documentario “People from Cecchetto”, sottolineando che non gli importava degli ascolti. Ha paragonato la sua partecipazione al documentario a vincere un premio Oscar, evidenziando la presenza di talenti noti nel panorama italiano, da Jovanotti ad Amadeus, lanciati grazie alla sua visione artistica. Ha concluso ribadendo la sua convinzione che questi talenti avrebbero fatto strada nel corso degli anni e dei decenni.

In conclusione, l’intervista a Claudio Cecchetto fornisce un’affascinante panoramica sulla storia di Radio Deejay e sulla controversa transizione del 1995. Il talent scout ha difeso con forza la sua visione artistica, ribadendo il ruolo cruciale di Radio Deejay nella sua carriera. La lite con Linus sembra essere il risultato di divergenze di visione sulla gestione dell’emittente, lasciando aperte molte domande sulla dinamica tra i due protagonisti di questa storia radiofonica.

RELATED ARTICLES

Ultime News