Home Curiosità Cos’è il Terzo Mondo e perché è stato chiamato così

Cos’è il Terzo Mondo e perché è stato chiamato così

0
231
Perché si dice 'Terzo Mondo'
Perché si dice 'Terzo Mondo'

Il termine “Terzo mondo” è utilizzato per descrivere gli stati indipendenti che si trovano in una posizione di svantaggio economico e sociale rispetto ai paesi democratici capitalisti del “primo mondo” e ai paesi socialisti comunisti del “secondo mondo”. Questi paesi si trovano principalmente in Asia, Africa e America Latina. E sono caratterizzati da un livello socio-economico molto arretrato, un alto tasso di crescita demografica e un’economia prevalentemente agricola.

Le origini del termine “Terzo Mondo”

L’economista francese Alfred Sauvy fu il primo a utilizzare il termine negli anni ’50, facendo riferimento al concetto di “terzo stato” nella Francia pre-rivoluzionaria. “Terzo Mondo” era destinato a identificare quei paesi che non si allinearono né col blocco sovietico né col blocco occidentale durante la guerra fredda. Fu durante la conferenza di Bandung nel 1955 in Indonesia che il termine entrò nel linguaggio della politica internazionale, per distinguere i paesi in via di sviluppo da quelli con un’economia di mercato o centralizzata.

In quel periodo, molti paesi africani e asiatici erano appena usciti dalla colonizzazione e stavano intraprendendo un processo di sviluppo economico e di costruzione di una società e una cultura autonome e indipendenti. Tuttavia, nel corso dei quasi cinquant’anni successivi, i paesi che un tempo costituivano il Terzo mondo hanno registrato evoluzioni diverse. E, ora, non possono più essere considerati un’unica realtà omogenea. Molti paesi asiatici si sono industrializzati o hanno sviluppato economie autonome. Molti paesi africani, invece, rimangono poveri e arretrati dal punto di vista economico.

Il cambiamento di significato nel corso degli anni

Nel 1989, lo stesso Alfred Sauvy ha riconosciuto che il termine “Terzo mondo” da lui coniato quarant’anni prima era diventato inadeguato. In un articolo su Le Monde, ha affermato che “raggruppare sotto lo stesso termine i paesi dell’Africa nera e i ‘Quattro Dragoni’ non può portare molto lontano”. Di conseguenza, è stato coniato il termine “Quarto mondo” per indicare il gruppo dei paesi più poveri. Tuttavia, il termine “Terzo mondo” viene ancora utilizzato di frequente, soprattutto nel contesto del debito del Terzo mondo.

Va notato che il termine è stato usato in modo generico per definire i paesi in via di sviluppo. Tuttavia, ha acquisito significati diversi a seconda dei criteri utilizzati per valutare le risorse interne. Tra questi figurano il PIL, le risorse naturali, l’import/export, le dipendenze post-coloniali, la durata media della vita e lo stile di vita. In conclusione, sebbene il concetto di Terzo mondo sia stato utilizzato per identificare i paesi in via di sviluppo, il suo significato e la sua rilevanza sono cambiati nel corso degli anni. Oggi il termine è considerato limitato e non rappresentativo della complessità dei problemi economici e sociali che questi paesi affrontano.