Raz Degan preoccupato per la sua famiglia in Israele: il racconto in tv

0
304
Raz Degan, il racconto a Verissimo
Raz Degan, il racconto a Verissimo (Foto ANSA)

Raz Degan si è presentato come ospite nello studio di Verissimo, accanto a Silvia Toffanin, per affrontare una situazione che lo sta toccando nel profondo: il conflitto in corso in Israele. L’attore, come riporta Repubblica, ha descritto giorni terribili per l’umanità intera, ma in particolare per il suo paese. Dall’Olocausto, il popolo israeliano non ha mai affrontato qualcosa di così atroce.

Raz Degan e i parenti in Israele: la preoccupazione dell’attore

Raz Degan si è sempre impegnato per la pace e ha collaborato a progetti di solidarietà, come ad esempio per i bambini in Siria. Ma ora, vede che il potere delle armi è purtroppo più forte della voce del cambiamento, il che fa male all’anima. La situazione è così terrificante che fatica a parlarne al pubblico italiano, perché comprende che ciò che sta accadendo non è umano.

L’attore ha poi svelato, nel corso dell’intervista a Verissimo, il destino dei suoi familiari colpiti da questo conflitto. Suo padre, di 80 anni, è determinato a rimanere nella sua casa, nonostante il loro kibbutz sia stato evacuato. Il 90% delle persone ha abbandonato la zona, ma suo padre si rifiuta di andarsene, considerando quel luogo come suo. Inoltre, Raz ha rivelato che una giovane parente di 22 anni è andata a un rave e non è mai tornata. Già è passata una settimana e i genitori si trovano nella disperazione più totale. Nella tradizione ebraica, quando qualcuno muore, si resta in casa per sette giorni per il lutto. Tuttavia, i genitori di questa giovane donna non sanno se sia viva o morta.

Raz Degan in tv (Foto ANSA)

La drammatica situazione in Israele

La situazione, spiega Raz Degan, è tanto tragica che i cadaveri sono talmente numerosi che i volti sono irriconoscibili, molti di loro sono stati bruciati. Ogni giorno, amici dell’attore lo chiamano per raccontargli atrocità inimmaginabili. Tutto ciò va al di là della politica e dei diritti: per lui si tratta di un incubo infernale di terrore.

Nonostante la tragedia che si sta svolgendo, Degan ha svelato che sua sorella è riuscita a trovare un volo per l’Italia con i suoi quattro figli. Ma gli uomini, i compagni delle loro vite, si rifiutano di lasciare il paese. Il kibbutz che ha descritto si trova al confine tra Siria e Libano, un luogo fondato dai suoi nonni che erano sopravvissuti all’Olocausto. Attraverso le sue parole cariche di sofferenza e disperazione, Raz Degan ha condiviso con il pubblico di Verissimo la terribile realtà che sta vivendo il suo paese. Il suo racconto ha reso tangibile l’orrore di questa situazione, al di là delle semplici questioni politiche o dei diritti.