Elezioni a ottobre?


Speriamo di no. Sarebbe un disastro per l’economia e la tenuta delle istituzioni, che purtroppo sembrano allo sbando non meno della politica. Eppure i protagonisti (molti dei quali non sarebbero degni nemmeno di recitare da comparse) e i “bene informati” ne sono convinti e già preparano le truppe cammellate.

La dirigenza del Pd e del Pdl si affanna nello scannamento (politico) degli avversari interni con manovre a dir poco indecenti. Le elezioni regionali e amministrative hanno consentito ai signori della politica, in parte interni ai partiti, ma non solo, di aggiustare la mira e manovrare per la conquista del potere. Perchè di questo ormai si tratta, la conquista di un potere destinato a durare oltre lo spazio di una generazione, reso solido dal blocco dei privilegi e del denaro sottratto alla comunità nazionale tramite clientele, rimborsi elettorali e corruttele di vario genere.

Il Nuovo Mille non è inerte, commenta, denuncia e sollecita, nei modi consentiti da quell’ordinamento giuridico che vorrebbe vedere realizzato. Una lettera di denuncia delle numerose disfunzioni economiche che inquinano l’economia è stata recapitata al premier nei giorni scorsi. Una delegazione dell’associazione potrà esporre nel corso di un incontro le ragioni di milioni di risparmiatori vessati dalle disfunzioni e dalla disattenzione delle istituzioni di settore competenti sia a prevenire che a rimediare. Il risparmio è il frutto dell’attività laboriosa degli italiani ed è l’ingrediente di base di ogni ciclo economico virtuoso.

Il governo Letta, che non deve sfaldarsi sotto i colpi di maglio inferti dal blocco di potere, è impegnato su vari fronti, ma può attingere a risorse politiche, intellettive e culturali che altri governi hanno soltanto sognato. E’ un’occasione da non perdere per i cittadini, per il governo, per la compagine ridotta delle persone capaci e serie impegnate in politica, per il riconoscimento che potrà essere tributato alla stessa persona del premier.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*