giovedì, Giugno 13, 2024
HomeCultura e SocietàLee Sun-kyun trovato morto in circostanze misteriose: la star di "Parasite" era...

Lee Sun-kyun trovato morto in circostanze misteriose: la star di “Parasite” era indagato per uso di droghe

Il mondo del cinema è in lutto per la tragica morte di Lee Sun-kyun, l’attore sudcoreano di 48 anni noto per il suo ruolo nel film “Parasite” di Bong Joon-ho, vincitore di quattro Premi Oscar. Lee è stato trovato senza vita in circostanze ancora avvolte dal mistero all’interno di un’auto nel centro di Seul.

Lee Sun-kyun: indagini in corso su droga e possibile suicidio

La notizia ha scosso l’industria cinematografica, e la sua morte arriva in un momento in cui l’attore era sotto indagine per l’uso illegale di droghe. La moglie di Lee aveva chiamato la polizia dopo che l’attore aveva lasciato casa, lasciando dietro di sé un biglietto di addio, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Yonhap.

Da ottobre, Lee era coinvolto in un’indagine riguardante l’uso di droghe illegali, nell’ambito delle severe leggi anti-droga della Corea del Sud. Il paese punisce i reati correlati alle droghe con pene detentive significative, e Lee aveva espresso il suo rimorso in un’intervista a fine ottobre prima di un interrogatorio.

Lee Sun-kyun
Lee Sun-kyun

Le leggi antidroga in Corea del Sud e il caso Lee Sun-kyun

La legge sudcoreana è molto severa per quanto riguarda l’uso di droghe. Il presidente Yoon Suk-yeol aveva richiesto misure più severe per contrastare il traffico di droga nel paese, evidenziando la severità delle leggi antidroga in Corea del Sud.

Nato nel 1975, Lee Sun-kyun aveva interpretato ruoli da protagonista in diversi film sudcoreani di successo, tra cui il thriller “Helpless” del 2012 e “All About My Wife” del 2014. Il suo ruolo principale nella serie “Dr. Brain” del 2021 su Apple TV+ aveva consolidato ulteriormente la sua carriera.

La tragica fine di un attore di successo

La notizia della morte dell’attore è stata confermata dalla polizia di Seul, che ha indicato la possibilità di un suicidio. La carriera di Lee era stata segnata negativamente dalle accuse di uso di droghe, che gli avevano causato la perdita di apparizioni televisive e contratti pubblicitari.

Lee Sun-kyun, nonostante la tragedia, aveva continuato a lavorare nel mondo del cinema, presentando il suo ultimo film “Sleep” al Festival di Cannes di quest’anno, dove interpretava il ruolo di un marito sonnambulo che terrorizza la moglie.

Eredità cinematografica e contributo duraturo

Il mondo del cinema piange la perdita di una stella talentuosa, mentre le indagini sulla sua morte e le accuse di uso di droghe continuano a gettare ombre sulla sua memoria. La sua eredità cinematografica, tuttavia, rimarrà indelebile, con “Parasite” che resta un capolavoro iconico e il suo contributo al cinema sudcoreano sempre presente nei cuori dei fan.

In questo momento di dolore, l’industria cinematografica riflette sulla fragilità della vita e sulla pressione che gli artisti possono affrontare. La morte di Lee Sun-kyun è un richiamo al bisogno di supporto e comprensione all’interno della comunità artistica, mentre il mondo del cinema si unisce nel ricordare l’attore per la sua straordinaria carriera e il suo impatto duraturo sull’arte cinematografica.

RELATED ARTICLES

Ultime News