sabato, Giugno 15, 2024
HomeEconomiaIl segreto dell'aumento dei profitti aziendali e dell'inflazione svelato

Il segreto dell’aumento dei profitti aziendali e dell’inflazione svelato

Nel mondo dell’economia e delle finanze, sorge un termine affascinante che sta catturando sempre più l’attenzione: “Greedflation”, o, per dirla in altre parole, l’avidità delle aziende che sembra contribuire in modo significativo all’inflazione nell’Eurozona. Una ricerca della Bank of England suggerisce che, sebbene non ci siano prove di un aumento dei profitti complessivi nel Regno Unito, alcune aziende nei settori del petrolio, del gas e delle miniere stanno guadagnando molto di più rispetto ad altre.

Inizialmente, c’era scetticismo riguardo al concetto di Greedflation. Quando sono stati identificati i 15 principali fattori di inflazione negli Stati Uniti nella metà del 2022, la “Ricerca di Profitto Aziendale” si trovava in fondo alla lista, al 13° posto.

Tuttavia, nel tempo sono emerse sempre più ricerche e dati a conferma del fenomeno. Progressivamente, si è scoperto che molte aziende stavano adottando un approccio specifico per far fronte alla domanda sfrenata e ai problemi nelle catene di approvvigionamento causati dalla pandemia, privilegiando “il prezzo anziché il volume”.

Il primo a individuare questo fenomeno è stato Samuel Rines di Corbu, che ha iniziato a discutere della preferenza delle aziende nel mantenere i margini di profitto nel 2022. Nel tempo, ha osservato che alcune aziende avevano il potere di stabilire i prezzi sia per la quantità che per il volume. Successivamente, la “Scelta del Prezzo al Margine” (PAM) ha cominciato a trasformarsi in “Prezzo E Margine”.

Questa situazione ha suscitato interesse in ambito accademico, con Mike Konczal, direttore del programma di analisi macroeconomica presso l’Istituto Roosevelt, che ha redatto un rapporto intitolato “Prezzi, profitti e potere”. Il focus del rapporto era sugli incrementi annuali dei margini di profitto netto. Nel periodo tra il 1960 e il 1980, questo margine si attestava intorno al 5,5%, mentre nel decennio dei tassi ultrabassi degli anni 2010 è salito al 6%. Nel 2021, ha registrato un notevole aumento, raggiungendo il 9,5%.

Questo notevole incremento ha suscitato dibattiti e discussioni, con la questione se le aziende stiano aumentando i prezzi per necessità o se stiano approfittando dell’ambiente inflazionistico per incrementare i profitti, alimentando così ulteriormente l’inflazione.

Oltre all’avidità aziendale, ci sono altre fonti di aumento dei prezzi, tra cui le località iper-regolamentate, soprattutto nel settore dell’energia e dell’edilizia. Nel 2022, è stato suggerito che, se ci si lamentava dell’inflazione, si potesse incolpare gli ufficiali locali.

I dati accumulati hanno portato a rivalutare il ruolo della Greedflation, che inizialmente veniva sottovalutato. Spesso, come consumatori, non siamo consapevoli di molti degli elementi che influenzano i prezzi finali dei prodotti. Ad esempio, sono emerse tariffe nascoste nei costi di spedizione dei container, con alcune compagnie di navigazione che addebitano tariffe esorbitanti per i container bloccati a causa della congestione nei porti. Ciò ha causato un aumento dei costi per prodotti come mobili, acqua di cocco e persino potty per bambini.

Mentre i costi iniziano a pesare sulle famiglie americane, l’industria globale del trasporto marittimo sta vivendo uno dei periodi più redditizi della sua storia recente.

RELATED ARTICLES

Ultime News