George Clooney svela i demoni di Matthew Perry: “Friends non gli ha dato felicità”

0
102
George Clooney
George Clooney

Durante la premiere del suo ultimo film, George Clooney ha gettato luce sul lato oscuro della vita di Matthew Perry, scomparso il 28 ottobre scorso. L’amico di lunga data ha svelato dettagli sconcertanti sulla mancanza di felicità di Perry nonostante il successo di “Friends”.

La connessione indistruttibile tra George Clooney e Matthew Perry

George Clooney, intervistato da Deadline, ha condiviso il dolore di vedere Matthew Perry lottare contro problemi legati ad alcol e droga durante le riprese di “E.R.” e “Friends”. I due attori, impegnati su set adiacenti, mantennero una forte connessione, ma la felicità sfuggì a Perry nonostante il raggiungimento del suo sogno di recitare in una sitcom di successo.

Un’amicizia che attraversa il tempo

Clooney ha rivelato di conoscere Perry sin dall’adolescenza: “Lo conosco da quando aveva 16 anni, giocavamo a paddle tennis insieme. Era un ragazzino davvero divertente.” Questa amicizia ha rappresentato una costante nella vita di entrambi gli attori, e Clooney ha sottolineato l’importanza di questo legame durante i momenti difficili.

Il sogno di Perry e la realtà crudelmente diversa

Clooney ha raccontato che Perry, nonostante il desiderio di far parte di una sitcom, non riuscì a trovare la felicità nemmeno dopo aver ottenuto il ruolo di Chandler Bing in “Friends”. Il discorso di Clooney riporta le parole di Perry: “Vorrei solo entrare nel cast di una sitcom. Se riuscissi a fare parte del cast sarei l’uomo più felice della terra.”

George Clooney: la dura realtà dietro le quinte di “Friends”

Tuttavia, la realtà ha dimostrato il contrario, come ha ammesso lo stesso Clooney: “Vederlo arrivare negli studi – anche io registravo alla Warner Bros. lì vicino – era duro, perché non sapevamo cosa gli stesse accadendo. Sapevamo solo che non era felice.” Questo sottolinea la difficoltà di percepire le lotte personali dietro le luci della ribalta.

George Clooney: il successo non garantisce la felicità interiore

George ha sottolineato che il successo di Perry in “Friends” non ha portato la gioia sperata: “Il successo, il denaro e cose simili, non ti danno automaticamente la felicità. Devi essere felice con te stesso e per la tua vita.” Questo tema cruciale evidenzia la necessità di una felicità personale indipendentemente dal riconoscimento pubblico.

George Clooney
George Clooney (foto ANSA)

La confessione di Perry e il peso del successo

La confessione di Clooney ha svelato i demoni interiori di Perry, evidenziando la necessità di una felicità personale indipendentemente dal successo esterno. Perry, nel corso degli anni, aveva rivelato che il successo non gli aveva portato la pace interiore desiderata, dimostrando che diventare famoso non è la risposta alla felicità.

Una riflessione sulla vita dietro le quinte di Hollywood

Questa rivelazione offre uno sguardo profondo sulla vita dietro le quinte delle star di Hollywood e pone l’attenzione sulla cruciale importanza della felicità interiore, al di là delle apparenze esterne. La storia di Matthew Perry ci invita a riflettere sulla fragilità umana di fronte al successo e sulla necessità di trovare la vera gioia nella nostra vita interiore, al di là delle aspettative esterne.