domenica, Giugno 23, 2024
HomePoliticaAlcune domande sull'incriminazione di Donald Trump

Alcune domande sull’incriminazione di Donald Trump


C’è un gran parlare sull’ultima incriminazione di Donald Trump. Martedì, l’ex presidente si è dichiarato non colpevole di 37 capi d’accusa riguardanti il possesso e il mancato ritorno di documenti sensibili del governo dopo aver lasciato la Casa Bianca.

Quindi, che cosa succederà ora? Di seguito sono riportate alcune delle grandi domande.

Cosa scopriremo ancora su Trump e la sua ostentazione dei documenti? Le rivelazioni più sorprendenti nell’atto di accusa riguardano due episodi del 2021 in cui Trump avrebbe mostrato dei documenti che ha ammesso di non dover condividere.

Nel luglio 2021, questo coinvolgeva un documento sull’attacco all’Iran che Donald Trump avrebbe definito “altamente confidenziale” e “segreto” e che avrebbe riconosciuto di non aver declassificato (nonostante le sue dichiarazioni pubbliche su tali documenti). Nell’agosto o settembre 2021, si è trattato di Trump che mostrava una mappa classificata di un paese sconosciuto e avrebbe detto al suo ospite di non avvicinarsi troppo.

Come dimostra quest’ultimo caso, non è chiaro quanto esattamente i documenti siano stati mostrati ai suoi visitatori o se avrebbero potuto ottenere informazioni sensibili. (Anche il primo caso coinvolge Trump che consulta qualcuno sulla possibilità di condividere il documento e sembra agitare dei fogli.) Il governo riassume questi casi dicendo che Trump “ha mostrato documenti classificati ad altri”.

È importante sottolineare che Trump non è stato incriminato specificamente per la condivisione di tali informazioni; il governo ha incluso questi episodi apparentemente per rafforzare l’idea che Trump sapeva quanto fossero sensibili le informazioni che possedeva.

Ma ciò non significa che non possa essere ancora incriminato per questo. E politicamente parlando, dato che le difese del Partito Repubblicano si sono concentrate sull’idea che non sia stato fatto alcun danno e sul confronto con altri casi in cui alti funzionari possedevano solo documenti classificati, queste scene potrebbero avere un ruolo significativo non solo nel caso legale, ma anche nell’opinione pubblica.

Quale ruolo significativo avrà Evan Corcoran? Le altre rivelazioni più significative nell’atto di accusa provengono dalle note e dalle testimonianze dell’avvocato di Trump, Evan Corcoran. In diverse occasioni, queste indicano che Trump ha fatto intendere che certi documenti non dovessero essere restituiti o addirittura potessero scomparire.

Ottenere informazioni da Corcoran è stata una grande conquista per il governo, considerando che le informazioni tra avvocato e cliente sono generalmente privilegiate. In questo caso, è stato stabilito che le informazioni riguardavano un possibile reato. E ora abbiamo scoperto il perché.

Non c’è dubbio che il governo sembri contare molto sulle informazioni ottenute da Corcoran, di cui abbiamo finora solo frammenti e potremmo presumibilmente apprendere molto di più.

Una domanda è se la squadra legale di Trump possa cercare di impedire che tali informazioni vengano utilizzate in tribunale. Potrebbero anche cercare di respingere le accuse sostenendo che tali informazioni avrebbero dovuto rimanere private. Ma la questione più importante sembra essere proprio quanto impareremo da Corcoran.

Come si comporterà la giudice Aileen Cannon? Relativamente a queste domande, c’è la giudice che presiederà apparentemente, la giudice distrettuale degli Stati Uniti Aileen M. Cannon. Nominata alla magistratura da Trump stesso nel 2020, si è fatta notare l’anno scorso emettendo una sentenza a favore di Trump.

Inizialmente, quando Cannon è stata selezionata per il caso penale, molti critici di Trump hanno chiesto la sua ricusazione, considerando tutto quanto sopra. Sembra che lei non abbia l’obbligo di farlo.

Se rimarrà nel caso, potrà esercitare un notevole controllo attraverso questioni procedurali come le mozioni pre-processuali sulle prove (come le prove di Corcoran) e persino un eventuale archiviazione. Le sue decisioni su tali questioni potrebbero influenzare la percezione del caso da parte del pubblico. Le sue decisioni avranno anche un impatto su quando si svolgerà il processo e se sarà risolto prima che gli elettori votino. Lei sarebbe anche responsabile di una possibile sentenza se Trump fosse condannato.

Sarà anche una sorta di prova del fuoco per Cannon, 42 anni. Come riporta il New York Times, ha pochissima esperienza nel presiedere casi penali, avendo svolto 14 giorni di processo in quattro casi durante il suo mandato in magistratura.

Quale difesa offrirà Donald Trump? Nonostante le controversie legali che si sono svolte per molti mesi, non è affatto chiaro come gli avvocati di Trump potrebbero difenderlo.

Alcuni ex alleati di Trump, come l’ex procuratore generale William P. Barr, hanno descritto le prove come schiaccianti e un caso relativamente facile da dimostrare. Il recentemente dimesso avvocato di Trump, Timothy Parlatore, ha dichiarato al Daily Beast: “È davvero brutto… se hanno le prove per sostenerlo tutto”.

Trump ha suggerito pubblicamente di aver declassificato i documenti. Ma i suoi avvocati hanno in modo evidente e ripetutamente rifiutato di affermarlo in tribunale; non è chiaro se ciò lo proteggerebbe (considerando che le accuse coinvolgono “informazioni sulla difesa nazionale”) e l’atto di accusa indica che Trump ha riconosciuto che almeno alcune delle informazioni che possedeva erano classificate.

Gli avvocati di Trump potrebbero cercare di sostenere che alcuni documenti chiave non rientrano nella definizione di “informazioni sulla difesa nazionale”, ma il loro volume e l’alta classificazione suggeriscono che sarebbe molto difficile farlo su larga scala.

Potrebbero anche citare l’idea di un cattivo comportamento da parte del pubblico ministero, come ha suggerito Parlatore, o che sia stato preso di mira diversamente da altri alti funzionari che possedevano documenti classificati. Ma questi sono argomenti difficili da sostenere, anche perché il caso di Trump è significativamente diverso da quelli che coinvolgono il presidente Biden, Hillary Clinton e l’ex vicepresidente Mike Pence. (Trump è accusato solo di comportamento successivo alla richiesta del governo di restituire i documenti e di aver fallito nel farlo.)

E cosa farà Walt Nauta? Trump è stato incriminato insieme a un uomo, il suo lungo collaboratore e valletto Walt Nauta, che avrebbe aiutato Trump a spostare scatole in modi che, secondo l’accusa, avrebbero dovuto nascondere ciò che Trump aveva. Nauta affronta sei capi d’accusa, tra cui ostruzione alla giustizia, cospirazione e menzogne agli investigatori.

Gli avvocati di Nauta hanno precedentemente dichiarato al Washington Post che stava effettivamente collaborando con gli investigatori, ma ci sono sicuramente diversi livelli di collaborazione. E la decisione di incriminare Nauta insieme a Trump invia un segnale sul suo ruolo centrale in questa presunta cospirazione.

Al momento, ci sono poche prove in merito. Dopo che i due sono stati processati martedì, Nauta e Trump sono apparsi insieme in un caffè di Miami. A entrambi è vietato discutere del caso, ma è evidente che Trump desidera tenerlo vicino.

Ma la domanda principale, che sta alla base di tutto, è la seguente: cosa si sa realmente dei documenti incriminati di Donald Trump? Questo è uno degli aspetti sfortunati di questo caso. Non solo non sappiamo realmente cosa contenessero i documenti, ma in alcuni casi il governo ha addirittura redatto lo stato di classificazione dei documenti nell’atto di accusa.

Sebbene il caso si basi sul fatto che i documenti possano essere considerati informazioni sulla difesa nazionale, la percezione del comportamento di Trump dipenderà sicuramente anche da ciò che sappiamo sulla sensibilità di tali informazioni, e di conseguenza, da quanto seriamente Trump abbia messo a rischio la nostra sicurezza nazionale.

Sappiamo alcune cose sui documenti grazie a informazioni pubbliche e al confronto con ciò che è noto nell’atto di accusa. Sappiamo, ad esempio, che quello che ha mostrato nel luglio 2021 riguardava un attacco all’Iran. Sappiamo anche che sono coinvolti informazioni nucleari. Ma non sappiamo nemmeno, ad esempio, di quale paese si riferisse la mappa che avrebbe mostrato più avanti nel 2021.

RELATED ARTICLES

Ultime News