SUDAFRICA. SÌ A ESPROPRI DI TERRE A BIANCHI, PARLAMENTO IN FESTA

sudafrica-parlamento

(DIRE) Roma, 4 dic. – Canti e balli al parlamento sudafricano per l’esito del voto di oggi, che ha approvato con una maggioranza schiacciante la bozza di emendamento costituzionale sull‘esproprio di terreni ai bianchi. “Il report e’ stato adottato con 209 voti in favore e 91 contrari” fanno sapere dall’account Twitter ufficiale del governo africano, che pubblica un video con la festosa reazione dei deputati.

Da oggi, il parlamento puo’ iniziare a lavorare alla modifica costituzionale piu’ importante dal 1994: il processo si attende lungo e complesso e potrebbe non concludersi prima delle elezioni di aprile. Contro la legge, che prevede l’esproprio di terre ai bianchi senza indennizzo, ha votato il principale partito di opposizione, la Democratic Alliance.

Per contestare la riforma era insorto la scorsa estate anche il presidente americano Donald Trump, denunciando “uccisioni di massa di agricoltori bianchi”. “Fake news” aveva replicato il ministro per le Relazioni internazionali e la cooperazione Lindiwe Sisulu, diffondendo i suoi dati sulla proprieta’ fondiaria nel Paese: “Il 72 per cento della terra e’ proprieta’ di bianchi, il 15 di coloured, il 5 di indiani, il 4 di africani; questo in un Paese dove i bianchi costituiscono l’8,9 per cento della popolazione, i coloured l’8,9, gli indiani lo 0,2 e gli africani il 79,2”.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*