SOCIALE. COLDIRETTI: UN MILIONE DI NUOVI POVERI DA INIZIO PANDEMIA


(DIRE) Roma, 21 mag. – Salgono di oltre un milione i nuovi poveri che hanno bisogno di aiuto anche per mangiare per effetto della crisi economica e sociale provocata dall’emergenza e dalla conseguente perdita di opportunita’ di lavoro.

E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti a tre mesi dall’inizio della pandemia con il primo caso ufficiale di Covid – 19 individuato a Codogno il 21 febbraio, sulla base delle persone che da allora hanno beneficiato di aiuti alimentari con i fondi Fead distribuiti da associazioni come la Caritas ed il Banco Alimentare che registrano un aumento anche del 40% delle richieste di aiuto.

Un bilancio drammatico che ha sconvolto la vita delle famiglie e l’economia ma soprattutto ha provocato sofferenza con oltre 32mila vittime. Un tunnel dal quale il Paese sta per uscire con uno sforzo collettivo che – sottolinea la Coldiretti – non puo’ essere vanificato da comportamenti scorretti con assembramenti, party e movida che rischiano di alimentare la ripresa del contagio da coronavirus.

Fra i nuovi poveri – sottolinea la Coldiretti – ci sono coloro che hanno perso il lavoro, piccoli commercianti o artigiani che hanno dovuto chiudere, le persone impiegate nel sommerso che non godono di particolari sussidi o aiuti pubblici e non hanno risparmi accantonati, come pure molti lavoratori a tempo determinato o con attivita’ saltuarie.

Presso i centri di distribuzione dei pacchi alimentari e alle mense della solidarieta’ si presentano persone e famiglie che mai prima d’ora avevano sperimentato condizioni di vita cosi’ problematiche e ai centralini arrivano decine di telefonate al giorno con richieste di aiuto perche’ padri e madri non sanno come sfamare i figli e si vergognano di trovarsi per la prima volta in questo tipo di difficolta’.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*