ROMA. OSTIA, IN CORSO SGOMBERO A CASA OCCUPATA DA FAMIGLIA SILVANO SPADA

ostia-spada2

(DIRE) Roma, 9 ott. – Continuano le operazioni di ripristino della legalita’ volute dall’amministrazione capitolina sul litorale romano. Questa mattina oltre 150 agenti del Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale sono intervenute in via Forni, a Ostia, per il recupero di un unita’ immobiliare illecitamente occupata dalla famiglia di Silvano Spada.

Le attivita’, coordinate dal Comandante Generale del Corpo Antonio Di Maggio, hanno visto il supporto del reparto mobile diretto dal commissariato di Polizia “Lido” e si inseriscono in un’ampia operazione di recupero del patrimonio immobiliare comunale e la sottrazione dello stesso all’illegittima gestione di sodalizi criminali a carattere familiare. Le operazioni di sgombero sono tutt’ora in corso.

“Questa mattina abbiamo sgomberato un’altra casa popolare abusivamente occupata a Ostia. Ancora una volta abitata da persone appartenenti al clan Spada. Vi vivevano la compagna e i figli di Silvano Spada, mentre quest’ultimo e’ attualmente agli arresti in carcere. In sua assenza, i familiari hanno continuato indisturbati a occupare l’abitazione. Una situazione inaccettabile, alla quale abbiamo messo fine grazie all’intervento della Polizia locale di Roma Capitale, supportata dalle altre forze dell’ordine”. Lo dice la sindaca di Roma, Virginia Raggi, in un post su Facebook.

Non daremo tregua a chi vive nell’illegalita’, spesso in contesti criminali se non di vero e proprio racket. Dopo anni di immobilismo, dall’inizio del nostro mandato stiamo controllando le case popolari occupate senza titolo, per liberarle e assegnarle a chi ha diritto e da anni attende in graduatoria per l’assegnazione. Non ci fermiamo e #NonAbbassiamoLoSguardo, a Ostia come altrove. Ringrazio gli agenti della Polizia locale guidati dal comandante Antonio Di Maggio e la Polizia di Stato. Andiamo avanti con determinazione e coraggio per liberare Roma da illegalita’ e criminalita’”, conclude la sindaca.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*