MODENA. FALSI ATTESTATI ‘CELI’ PER AVERE CARTA SOGGIORNO, 5 ARRESTI

celi

(DIRE) Roma, 26 mar. – La Polizia di Stato di Modena sta procedendo all´esecuzione di un´ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un italiano e di 4 ordinanze agli arresti domiciliari per due italiani, un marocchino e un tunisino, accusati a vario titolo dei reati di corruzione, falsita’ ideologica, truffa, contraffazione di documenti necessari al fine di determinare il rilascio di carta di soggiorno per lungo periodo ed indebita percezione di erogazioni ai danni dello Stato.

L´attivita’ di indagini dei poliziotti della Squadra Mobile, nella quale risultano indagate altre 25 persone, ha fatto luce su un sistema che faceva capo ad un “Centro di Formazione Linguistico” accreditato presso l´Universita’ per Stranieri di Perugia, per il conseguimento, a seguito d´esame, dell´attestato di conoscenza della lingua italiana da parte dei cittadini stranieri che ne facevano richiesta, ai fini del rilascio del permesso di soggiorno di lungo periodo.

Esame che, attraverso telecamere installate all´uopo dai poliziotti della Squadra Mobile, si e’ dimostrato essere assolutamente fittizio visto che gli stranieri venivano forniti delle risposte gia’ compilate da cui copiare o comunque venivano aiutati dalla commissione compiacente. Un giro di affari che, nelle sedi d´esame sparse in varie citta’ del nord Italia, fra Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna, ha coinvolto piu’ di 6000 stranieri i quali, a fronte di svariate centinaia di euro, richiedevano ed ottenevano, pur non ricorrendone i requisiti, l´ambito certificato “CELI” (certificato di lingua italiana) da cui e’ derivato il nome dell´Operazione di Polizia.

I particolari dell´operazione saranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terra’ alle ore 10.30 in Questura.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*