MINORI. LAVAGGI DEL CERVELLO PER TOGLIERLI A FAMIGLIE, 18 ARRESTI

minori

(DIRE) Bologna, 27 giu. – Ragazzini sottratti alle famiglie sulla base di documenti falsificati e sedute di psicoterapia che in realta’ erano lavaggi del cervello, con i terapeuti travestiti da personaggi cattivi delle fiabe che li convincevano i bambini della cattiveria dei genitori nei loro confronti. Di piu’: falsi ricordi di abusi sessuali indotti in realta’ tramite impulsi elettrici e disegni dei bambini artefatti aggiungendo particolari che facevano risultare i segnali di abusi sessuali in realta’ inesistenti.

È una vicenda che ha dell’incredibile quella che arriva da Reggio Emilia e che e’ stata scoperta dai Carabinieri in una complessa indagine che oggi ha portato all’arresto di 18 persone nell’operazione ribattezzata ‘Angeli e demoni’. Quello che emerge e’ un business illecito ai danni di decine e decine di minori che sono stati sottratti alle rispettive famiglie con la complicita’ di politici (arrestato il sindaco di Bibbiano, Andrea Carletti), medici, assistenti sociali, che per anni hanno nascosto i regali e le lettere scritte dai genitori ai bambini che gli erano stati tolti: i Carabinieri li hanno trovati accatastati in un magazzino.

Gli arresti di oggi sono scattati sulla base di un’ordinanza di custodia cautelare: sono coinvolti politici, medici, assistenti sociali e liberi professionisti. Come spiegano i militari in una nota, da diversi anni gli arrestati avevano messo in piedi un illecito e redditizio sistema di “gestione minori”. I reati contestati, a vario titolo, sono frode processuale, depistaggio, abuso d’ufficio, maltrattamenti su minori, lesioni gravissime, falso in atto pubblico, violenza privata, tentata estorsione, peculato d’uso.

Nella nota i Carabinieri spiegano di avere intercettato “ore e ore di intensi lavaggi del cervello intercettati durante le sedute di psicoterapia effettuate sui minori, anche di tenera eta’, dopo che gli stessi erano stati allontanati dalle rispettive famiglie attraverso le piu’ ingannevoli e disparate attivita’, tra le quali: relazioni mendaci, disegni dei bambini artefatti attraverso la mirata ‘aggiunta’ di connotazioni sessuali, terapeuti travestiti da personaggi ‘cattivi’ delle fiabe messi in scena ai minori in rappresentazione dei genitori intenti a fargli del male, falsi ricordi di abusi sessuali ingenerati con gli elettrodi di quella che veniva spacciata ai bambini come ‘macchinetta dei ricordi’.

La richiesta di arresti e’ arrivata al termine dell’indagine dei Carabinieri cooordinata dal pm Valentina Salvi: in pratica, quello che veniva spacciato per un modello istituzionale da emulare rispetto al tema della tutela dei minori abusati altro non era che un gigantesco business truffaldino per sottrarre i minori alle famiglie. L’indagine non ha precedenti sul territorio italiano, fanno sapere i Carabinieri. Sono in corso verifiche per capire se il sistema possa avere radicamento sull’intero territorio nazionale.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*