MIGRANTI. TRAPANI, SEQUESTRO DA 1,5 MLN A TRAFFICANTE DI UOMINI


(DIRE) Palermo, 25 giu. – Beni del valore di 1,5 milioni di euro sono stati sequestrati dagli uomini del Comando provinciale della guardia di finanza di Palermo, in collaborazione con i colleghi di Trapani, a Fadhel Moncer, cittadino tunisino di 40 anni.

Moncer nel 2019 fu raggiunto da un fermo emesso dalla Dda del capoluogo siciliano nell’ambito dell’indagine ‘Barbanera‘ contro il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e il contrabbando di sigarette tra il nord-Africa e l Sicilia occidentale.

Il provvedimento, che riguarda aziende, immobili e disponibilita’ finanziarie, e’ stato disposto dalla sezione Misure di prevenzione del tribunale di Trapani.

Moncer sarebbe stato a capo dell’organizzazione dedita al traffico di uomini e sigarette e secondo la guardia di finanza “ha dimostrato di disporre di una solida e radicata struttura organizzativa e di adeguate risorse umane e materiali”.

Per ogni viaggio i migranti arrivavano a pagare anche tremila euro. Dagli accertamenti economico-patrimoniali disposti dalla procura di Palermo ed eseguiti dal Gico del Nucleo di polizia economico-finanziaria della guardia di finanza e’ emersa “una significativa sproporzione tra i redditi dichiarati e gli investimenti effettuati da Moncer.

Questi i beni sequestrati: un immobile, due aziende e terreni a Marsala e Mazara del Vallo, oltre che un’auto e disponibilita’ finanziarie. Una delle due imprese sottoposte a sequestro opera nel settore agro-alimentare, mediante la coltivazione in serra di prodotti stagionali, su terreni estesi per circa due ettari. 

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*