MAFIA. PALERMO, BLITZ CONTRO CLAN DI SAN MAURO CASTELVERDE: 11 FERMI


(DIRE) Palermo, 30 giu. – Dalle prime ore della mattina i carabinieri del Comando provinciale di Palermo stanno eseguendo un fermo di indiziato di delitto, emesso dalla Direzione distrettuale antimafia, nei confronti di 11 persone. I fermi sono scattati in Sicilia, Lombardia e Veneto.

Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione, trasferimento fraudolento di beni, corruzione, atti persecutori, furto aggravato e danneggiamento.

Le indagini, seguite da un pool di magistrati coordinati dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca, hanno evidenziato gli assetti e le dinamiche criminali del mandamento mafioso di San Mauro Castelverde, che, all’indomani dell’operazione ‘Black Cat’ dell’aprile 2015, “ha serrato le fila – spiegano i carabinieri – e ha continuato ad operare sul territorio imponendo il proprio potere” con la stessa capacita’ intimidatoria.

In questo quadro si inseriscono le numerosissime estorsioni ai danni dei commercianti locali documentate dai militari, cosi’ come l’organizzazione di una “efficientissima” rete di comunicazione necessaria agli storici capimafia detenuti per mantenere il comando “e continuare a strangolare imprese e societa’ civile”.

Le indagini hanno portato alla luce il ruolo ricoperto da Giuseppe Farinella, figlio di Domenico Farinella, boss all’epoca detenuto in regime di alta sicurezza a Voghera.

Per i carabinieri del Comando provinciale di Palermo, che hanno portato a termine il blitz ‘Alastra’, un sistema di controllo “basato sui rapporti di consanguineità” che ha cosi’ permesso al capomafia detenuto “di mantenere il controllo del mandamento”.

Nonostante la giovane eta’, il rampollo dei Farinella avrebbe avuto il compito di “coordinare” gli altri componenti del clan che operavano sul territorio, “cooperando” con Gioacchino Spinnato di Tusa (Messina), “ben radicato – evidenziano gli investigatori – in Cosa nostra, che ha gestito i contatti con gli uomini d’onore degli altri mandamenti, fra i quali Filippo Salvatore Bisconti, gia’ capo del mandamento mafioso di Belmonte Mezzagno e ora collaboratore di giustizia. 

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*