LIBIA. LEGA ARABA CHIEDE TREGUA, TRIPOLI DENUNCIA RUOLO EGITTO


(DIRE) Roma, 24 giu. – La Lega Araba ha invitato le due parti belligeranti in Libia a raggiungere un cessate il fuoco e a prendere in considerazione solo una soluzione politica al conflitto, “l’unica che puo’ stabilizzare il Paese”.

La presa di posizione dell’organismo regionale e’ arrivata al termine di una riunione online, convocata ieri dall’Egitto a fronte dell’escalation militare in atto nella regione petrolifera del Paese e in modo particolare nei dintorni della citta’ di Sirte.

Secondo il segretario della Lega Araba, Ahmed Aboul Gheit, la Libia sta “attraversando un pericoloso punto di svolta del conflitto”. Gheit ha ribadito che “l’opzione militare non portera’ alla vittoria nessuno”. L’iniziativa del governo del presidente Abdel Fattah al-Sisi non e’ stata accolta dal Governo di accordo nazionale (Gna) con sede a Tripoli, l’unico riconosciuto dalla comunita’ internazionale.

L’esecutivo, presieduto da Fayez al Serraj, ha infatti disertato l’incontro accusando l’Egitto di essere uno dei principali alleati della fazione rivale guidata dal generale Khalifa Haftar.

Il governo di Tripoli aveva gia’ lamentato l’ingerenza egiziana nel conflitto nei giorni scorsi, sostenendo che Il Cairo aveva “dichiarato guerra alla Libia”.

Il riferimento e’ alle dichiarazioni di Al Sisi, che aveva criticato il supporto turco al Gna e minacciato un intervento militare qualora le forze tripoline non avessero messo fine alla loro controffensiva nei dintorni della capitale.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*