L’altro volto di Etro a Non è l’Arena

non-e-larena-conduce-massimo-giletti-678x381

Massimo Giletti ha invitato per la terza volta Raimondo Etro, ex brigatista rosso, ed è stato un disastro. Etro ha cambiato tono dalla prima partecipazione a “Non è l’Arena”, la primavera scorsa, e Giletti l’ha invitato a lasciare la trasmissione. Nei giorni successivi c’è stato il consueto strascico di polemiche sul reddito di cittadinanza dato a Etro e ad altri ex partecipanti alla lotta armata negli anni 70 e 80, alimentato dallo stesso Etro, che, nei suoi post, chiede il bonifico promesso da Giletti. Ha partecipato alla trasmissione, per la terza volta in confronto diretto con Etro, Daniela Santanchè, che non ha lesinato espressioni colorite. L’audience ovviamente è balzata alle stelle. “Non è l’Arena”, grazie ad una serie di servizi sulle zone d’ombra del Paese, si sta affermando come trasmissione di denuncia, come ce ne sono state altre in passato, precocemente archiviate. Nessuna ha mai insidiato il modello “Porta a Porta”, di analisi politica intervallata da informazione di consumo e intrattenimento puro, che continua a essere ineguagliato. Senza voler necessariamente criticare Giletti ed Etro, ciascuno per il suo ruolo, ci interroghiamo sulla divulgazione trash, che non è soltanto quella sboccata, fuori le righe del racconto quotidiano riservato alla televisione. Nel dopoguerra la Rai ha insegnato agli italiani il linguaggio comune e ha introdotto il divertimento e l’informazione, togliendo spazi ai giornali e al cabaret. In seguito, la televisione, la Rai un po’ meno delle altre, si è volgarizzata. E adesso, per distinguersi, deve ricorrere al trash. La radio più della televisione. Maestra di trash è la “Zanzara”, di Radio 24. Alcuni ascoltatori ogni tanto protestano e il conduttore li manda a quel paese. Sembra che gli ascolti salgano, a vantaggio dell’economia del gruppo Sole 24 Ore, che chiude un occhio. I tempi sono cambiati dagli anni del dopoguerra. Altre sono le esigenze degli spettatori e ascoltatori. Ma una riflessione sul sistema informativo, ci vuole. Prima che Giletti inviti Etro per la quarta volta.

Conversazioni
19 3 2020 - 14:33

La volta scorsa mi era piaciuto di più…questa per niente e non per quello che scrive su di me.
Perché vuol dire che non ha capito quasi nulla……
Ma guarire si può, lo dicono anche a proposito degli omosessuali….
Bonne chance

Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*