EX ILVA. RICERCHE PER OPERAIO ARCELORMITTAL DISPERSO IN MARE

amittal

(DIRE) Bari, 11 lug. – Sono state sospese poco prima della mezzanotte e dovrebbero riprendere in mattinata le ricerche dell’operaio del siderurgico di Taranto finito in mare ieri sera a causa del maltempo che ha spezzato il braccio del gru su cui stava lavorando.

L’uomo, Mimmo Massaro di 42 anni originario di Fragagnano, paese della provincia di Taranto, si trovava nella cabina della gru DM5 quando il vento forte ne ha provocato la caduta. Flebili le possibilita’ che possa essere ancora vivo. Intanto, il sindacato Usb ha proclamato nella notte 24 ore di sciopero di tutto lo stabilimento e dell’appalto Arcelor: a partire dalle 23.00 del 10 luglio e fino alle 07.00 del 15 luglio.

“L’ennesima immane tragedia avvenuta in data odierna conferma l’assoluta pericolosita’ in cui versano gli impianti gestiti da ArcelorMittal Italia. Un’altra vita spezzata, l’ennesima famiglia distrutta in nome del profitto a qualunque costo”. “È passato poco dall’incontro con il ministro Di Maio al quale abbiamo denunciato la gravissima situazione dello stabilimento di Taranto e ora piangiamo un altro giovane dipendente ucciso sul lavoro nello stabilimento tarantino”, denunciano Francesco Rizzo (Usb Taranto) e Sergio Bellavita (Usb) che ricordano come, sette anni fa, “esattamente nella stessa postazione una gru aveva ucciso un altro lavoratore. La gru e’ stata ricostruita ma con le medesime gravi mancanze di quella precipitata in mare nel 2012. Ed oggi ha ucciso Mimmo Massaro”.

“Per Usb la fabbrica e’ da chiudere, e’ chiusa da oggi. Lo stato fatiscente degli impianti dello stabilimento indica che non ci sono le condizioni di sicurezza necessarie per coloro che lavorano all’interno di una fabbrica che oramai e’ ridotta ad un cumulo di rottame. Siamo vicino ai familiari e ai cari del lavoratore ucciso, chiamiamo i lavoratori e la citta’ ad una mobilitazione straordinaria. Liberiamo Taranto dai veleni”, concludono.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*