CULTURA. ROMA, TANTI EVENTI PER 170 ANNI DELLA REPUBBLICA ROMANA

ossario

(DIRE) Roma, 8 feb. – Sabato, il 9 febbraio, cadra’ l’importante ricorrenza dei 170 anni dalla proclamazione della Repubblica Romana del 1849 e, come di consueto, al Gianicolo e’ previsto un fitto calendario di iniziative che coinvolgeranno il Mausoleo Ossario Garibaldino e il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina di porta San Pancrazio.
Gli eventi sono promossi da Roma Capitale, assessorato alla Crescita culturale Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.
La breve ma significativa esperienza storica che vide Roma, tra il febbraio e il luglio del 1849, presentarsi con un inedito volto laico e repubblicano, costitui’ infatti, per la straordinaria carica di energia morale e ideale che seppe esprimere, uno dei momenti chiave del nostro Risorgimento. Una spinta decisiva che pose la citta’ al centro di un progetto di unita’ nazionale e di riscoperta della grandezza antica di Roma.
Il sogno di una nuova Roma, grande, repubblicana e posta moralmente al centro di un nuovo stato italiano unito. Un sogno che fece da collante per un’intera generazione di giovanissimi provenienti da tutta Italia e non solo, che si dettero convegno nella citta’ eterna dapprima per vivere quell’inimmaginabile realta’ di governo democratico scaturito da libere elezioni, e guidato da un Triumvirato che si fregiava della guida morale di un uomo della statura di Giuseppe Mazzini, poi per difendere la modernita’ di quel sogno dalle forze filo-papaline decise a riportare a Roma il papa-re.

 
E proprio il Gianicolo, dove si concentrano oggi le iniziative in memoria, costitui’ il punto chiave degli scontri che videro nella primavera-estate del 1849 l’aggressione, la difesa e infine la capitolazione della citta’, dopo una strenua difesa durata circa due mesi che conobbe schiere di volontari e di truppe della neonata Repubblica difendere a costo della vita il sogno della terza Roma. Ed e’ proprio in prossimita’ delle tombe di quei giovanissimi caduti, che si batterono con determinazione e coraggio contro un nemico numericamente e tecnicamente superiore, che si svolgera’ sabato 9 febbraio alle 10, la cerimonia commemorativa.

 

Saranno presenti le autorita’ di Roma Capitale, Citta’ Metropolitana e Regione Lazio. Dopo una breve prolusione storica di Mario Di Napoli, studioso del periodo e presidente dell’associazione Mazziniana Italiana, si potranno ascoltare le note risorgimentali rievocate dalla Banda del Corpo della Polizia Municipale. Successivamente, sull’area marmorea del Mausoleo Ossario Garibaldino verra’ deposta una corona, in memoria dell’importante episodio storico per il quale Roma vanta sul gonfalone la medaglia d’oro al valor militare. Alla fine della cerimonia, la sottostante cripta-sacrario, dove riposano le spoglie dei caduti, verra’ riaperta al pubblico.

Questo e’ stato permesso grazie al lungo e complesso restauro che ha consentito di ripristinare in tutto il suo splendore la bella volta dorata dell’ambiente, il cui mosaico nell’aprile 2016 crollo’ parzialmente a seguito delle ripetute sollecitazioni causate dalle scosse telluriche di quell’anno. Risarcita l’ampia lacuna creatasi nell’occasione sulla volta in prossimita’ d’ingresso e consolidata per motivi di conservazione e sicurezza l’intera superficie musiva del sacello, la cripta puo’ tornare oggi ad accogliere, in tutta la sua suggestiva bellezza, pubblico e cittadini. E’ doveroso l’omaggio alle tante vite spese nel nome di un ideale, tra cui spicca quella di Goffredo Mameli, l’autore del nostro Inno Nazionale, di cui la cripta custodisce la sepoltura in un imponente sarcofago in porfido di antica memoria.
Per l’occasione l’area monumentale del Mausoleo Ossario Garibaldino osservera’ un’apertura straordinaria dalle 8 alle 20.

 
Per onorare la ricorrenza anche il Museo della Repubblica romana e della memoria garibaldina ospitera’ alcuni eventi cosi’ articolati: sabato 9 febbraio 2019 alle 10, si terra’ un incontro dal titolo “In nome del popolo sovrano. Ricordando Luigi Magni cantore del Risorgimento romano”, a cura dell’Associazione Amici di Righetto. L’evento ricordera’ i protagonisti e i fatti legati alla Repubblica Romana e culminera’ nel conferimento da parte del Presidente Roberto Bruni del XV Premio Nazionale Righetto 2019, concorso bandito ogni anno dall’Associazione a ricordo delle gesta di Righetto, simbolo di tutti i giovanissimi caduti in difesa della Repubblica Romana.
Seguira’, alle 16 un appuntamento dal titolo “Nel 170esimo della ricorrenza della proclamazione della Repubblica Romana del 1849”, a cura dell’Associazione Amilcare Cipriani e Comitato Gianicolo. L’evento ricordera’ l’intensa attivita’ di valorizzazione promossa negli ultimi vent’anni sui temi della Repubblica Romana connessi al territorio gianicolense.
Interverranno il giornalista e scrittore Vittorio Emiliani, il prof. Giuseppe Monsagrati ed il presidente dell’Associazione Enrico Luciani. Nell’occasione saranno presentati al pubblico e distribuiti l’edizione aggiornata del depliant “Il Gianicolo e la Repubblica Romana del 1849” e il poster “Gianicolo nella notte del 30 giugno 1849” immagine rielaborata dal plastico dell’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*