Stadio della Roma: causa in vista

nuovo-stadio-roma

Sulla controversa vicenda del nuovo stadio, che non è previsto dal programma del M5S per Roma, la Sindaca, che nella vita civile è avvocato, ha ribadito che si tratta di un progetto ereditato dalla Giunta Marino e ha così giustificato l’iniziativa della sua Giunta. Se lo stadio non fosse realizzato, il Comune di Roma subirebbe una causa multimilionaria per danni basata sull’iter amministrativo compiuto dalla Giunta precedente. Non mettiamo in dubbio che la Sindaca abbia esaminato gli atti. Ci permettiamo, però, di suggerire che il percorso legale finora compiuto dal Comune sia pubblicato per poter essere consultato da chiunque abbia interesse, che sia iscritto al movimento o sia estraneo.

Anche la votazione minacciata da Grillo dovrebbe essere preceduta dallo studio delle carte, tenendo conto delle prospettive del progetto rispetto ad altre aree di Roma e ad altre iniziative di utilità sociale, di social housing, ad esempio, molto probabilmente destinate ad essere abbandonate. La Sindaca, invece, sostiene di trattare riservatamente la questione stadio con la società interessata. E’ legittimo, ma contrario alle abitudini del movimento e, questa volta, anche alle attese dei cittadini di Roma, che vorrebbero essere informati prima che le scelte calino sulle loro teste.

Grillo ha smentito suoi incontri riservati e ha fatto bene, perché, sul piano politico e amministrativo, non avrebbe alcuna veste per intrattenersi con chiunque che non sia iscritto al suo movimento. Sembra che un avvocato di fiducia di Grillo sia, però, impegnato nell’esame di una serie di documenti riguardanti varie pratiche in corso. Ma Michela Di Biase, capogruppo del Pd in Campidoglio, ha osservato che non risulta che il legale sia stato ufficialmente incaricato. Il NuovoMille.it continuerà a sorvegliare l’intera vicenda, informando i lettori.

Conversazioni
16 2 2017 - 20:43

I Cittadini romani hanno una tassazione elevata sulle poste del Comune di Roma e della Regione Lazio e quindi un ulteriore debito del Comune non sarebbe una buona scelta.
Ma in tutto questo vanno rispettate le regole e se poi è stata colpa della Giunta Marino si vedrà.
Nel documento 5 Stelle per le elezioni comunali non si parla mai di stadio della AS Roma ( forse in altri documenti riservati alla Rete ) e nel Piano Regolatore Generale (PRG) di Roma l’area di Tor di Valle non prevede in effetti grandi cubature.
LEGAMBIENTE ha alzato il problema ambientale con argomenti che vanno presi in seria considerazione ed è bene quindi che la Giunta Capitolina sia molto trasparente in questa vicenda che, dalle notizie della stampa, è evidente abbia come effettivo beneficiario il pool di banche che finanzia il proprietario dell’area di Tor di Valle
Propongo al Mille di lanciare un gioco:
Chi l’ha visto lo stadio della AS Roma nel programma dei 5Stelle X Roma e/o nei documenti che accompagnano il PRG?
Facciamo un gioco di trasparenza politica ed amministrativa su questa vicenda

Auguro buon lavoro alla Redazione del Mille che spero accolga l’invito di un Cittadino che le tasse le paga….alla fonte come gran parte dei concittadini romani pensionati e dipendenti

Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*