La trama degli Occhionero, una vicenda tutta da interpretare


La trama dei fratelli Occhionero farà parlare a lungo. Così a lungo che se ne perderanno le tracce. L’attenzione della stampa è già scemata. E le responsabilità, che non possiamo ritenere  limitate alle loro persone e al loro iperattivismo, saranno verosimilmente stemperate. I fatti (finora divulgati e quindi vagliati dalle varie autorità competenti per la materia, non solo dalla Procura) sono eclatanti. Una rete di raccolta dati, infiltrata nei telefoni e nei computer più eccellenti, ha allignato in Italia per anni, apparentemente a cura esclusiva di Giulio e Francesca Maria Occhionero. I server, quindi le macchine del sistema di raccolta e di successiva distribuzione/utilizzazione dei dati, si trovano negli Stati Uniti.

La denuncia della trama sembra che sia stata del tutto casuale, dovuta allo scrupolo di un esperto informatico dell’Enav, che nella primavera scorsa è stato allarmato da una delle tante mail di spamming che inquietano ogni giorno gli utenti del web. Sono seguite indagini caute, che tuttavia, ben presto, sono giunte a conoscenza dei due attenti operatori, che, almeno in parte, sarebbero riusciti (il condizionale è d’obbligo) a limitare il danno. I server non sarebbero stati ancora aperti (così dice l’Fbi) e quindi la stima del danno prodotto al sistema Italia (politico, economico, finanziario) è ancora di là da venire. Renzi, una delle vittime, sarebbe comprensibilmente furioso. Immaginiamo che anche altri lo siano. Il materiale così acquisito avrà influenzato il corso degli affari o della politica?

matteo-renzi

Ci sarà, a tempo debito, una verità processuale, quanto divergente dalla verità fattuale, non lo sapremo mai. Se i tempi della giustizia saranno verosimilmente lunghi, non altrettanto dovrebbe avvenire per la decisione politica e l’intervento di intelligence. O così almeno speriamo. Il profilo politico di questa inquietante vicenda giudiziaria, paragonabile a nessuna altra recente nota, è pertanto prevalente. A fini di analisi e di intervento. Vorranno i nostri politici, spesso ondivaghi e sempre affezionati al proprio status, assumere iniziative adeguate? Chi non ricorda che, fino a ieri, dal mare, secondo la vulgata buonista, non veniva alcun pericolo? E ora il Capo della Polizia invita i cittadini all’allerta. Durerà a lungo. I baby boomer non vivranno un’altra età dell’oro. Speriamo che i figli o i figli dei figli possano in futuro godere di un altro lungo periodo di pace. Al momento possiamo concludere che, se un occhio nero ha contribuito allo stato di allerta sui vari fronti del sistema paese, a tutela degli interessi nazionali, che sia stato il benvenuto!

 

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*