Tap, ulivi o sviluppo, le priorità di Emiliano

ulivi-in-puglia

A San Foca di Melendugno, paesino pugliese assurto agli onori delle cronache per la vicenda della Tap e degli ulivi, i lavori di realizzazione del gasdotto, che interessa milioni di cittadini italiani, sono di nuovo bloccati. Il Tar Lazio, investito dalla Regione Puglia, ha sospeso l’autorizzazione all’espianto degli ulivi, in gran parte già espiantati e destinati comunque alla ricollocazione sul posto. Sembra incredibile, ma è vero.

E’ uno degli effetti del No al Referendum. Con la vittoria del Sì il ricorso al Tar sarebbe stato inammissibile. Ma la vicenda richiede almeno un’altra considerazione. Sulla candidatura di Emiliano, presidente della Regione Puglia, alla guida del Pd. Una candidatura sostenuta da scarso consenso popolare, in base ai sondaggi. Ma che non può non destare preoccupazioni, nell’ipotesi che Emiliano abbia successo e, in quanto segretario del partito, sia destinato alla guida del Paese, in caso di vittoria del Pd.

Michele Emiliano
Michele Emiliano

Se i cento o duecento ulivi di San Foca di Melendugno sono la priorità di Emiliano, rispetto alla realizzazione di un’opera di sviluppo economico per la Regione Puglia e le regioni contigue, quale sarebbe la sua priorità in caso di scelta tra, ad esempio, le patate di Avezzano (pur note per la loro bontà) e lo sviluppo della Regione Abruzzo? Emiliano, tra l’altro, è persona che ama stupire (come dimostra la sua foto in canottiera dal letto di Ospedale), mentre il Paese non ha proprio bisogno di sorprese. Non vorremmo scoprire a nostre spese che la priorità di Emiliano sono le patate.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Leggi gli altri articoli