I segreti della fondazione Open

renzi2

Le indagini a tappeto sui contributi alla fondazione Open, che ha finanziato l’attività politica di Matteo Renzi, stanno mettendo in luce l’ennesimo intreccio tra politica e affari e gli scambi tra candidature, nomine eccellenti e segreterie.

I cittadini, in realtà, hanno capito da tempo che alcune candidature di persone ricche, sia uomini che donne, nei partiti di massa si spiegano soltanto con la logica dello scambio. Do ut des.

La compravendita della candidatura potrebbe essere un reato, di certo è malcostume che peggiora la politica. Introduce nel sistema yes men e women, toglie posti a persone appassionate e capaci, che non possono o non vogliono pagare.

Renzi è partito al contrattacco in nome della democrazia e della libertà di finanziamento dell’attività politica da parte dei cittadini, e ha presentato denuncia nei confronti dei magistrati della Procura di Firenze che conducono le indagini.

Il presidente dell’Associazione Nazionale Magistrati – ANM, Luca Poniz, ha subito replicato, denunciando la delegittimazione della funzione giudiziaria. Ne scriveremo a breve con l’attenzione che l’argomento merita.

E’ troppo presto per dire se il fenomeno Renzi sia giunto al capolinea, come qualcuno già sostiene, in connessione anche alla previsione di Papadopoulos (caso Link Campus ancora in corso). Noi pensiamo che Renzi sia abile e coriaceo, come Berlusconi, e anche più versato in politica, ma non dotato, ovviamente, degli stessi mezzi finanziari. Di certo, non intende mollare, e il conflitto con la magistratura potrebbe non alienargli la simpatia di quel largo strato della popolazione che ha sfiducia crescente nella giustizia. Circa il 60 per cento degli italiani, il doppio e più, rispetto ai tempi di Mani Pulite.

Le sorti di Renzi e, a questo punto, di Italia Viva, dipenderanno dalle rivelazioni del processo, se e quando ci sarà. Perché la gente può apprezzare lo scontro tra titani, ma non gradirà mai che un politico eccellente l’abbia presa in giro, in nome della democrazia.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*