Porro si candida in pectore

nicolaporro-1-1000x574-1-kt0d-u31701109572219lnf-656x492corriere-web-sezioni

Scontro a Quarta Repubblica sul coronavirus. Pierpaolo Sileri, viceministro della Salute, sembra una persona mite, disposta al dialogo e, perfino, preparata, in un governo che mostra le corde proprio sotto il profilo delle competenze. Eppure, quando Daniele Capezzone, suo competitor del momento, ha toccato il tasto della Cina produttrice di batteri, si è infuriato, ha alzato la voce, ha tolto la parola, insomma ha fatto in una manciata di minuti quello che Sgarbi e D’Agostino diluiscono in varie puntate. Senza parolacce, bisogna dire. Capezzone prima è rimasto un po’ sorpreso, poi si è ricordato di essere in politica da quando portava i pantaloni corti, e ha reagito, per non compromettere la sua immagine di candidato in pectore al rientro in Parlamento. Quarta Repubblica, condotta da Nicola Porro, un tempo liberale della Fondazione Einaudi, ha conquistato uno spazio consistente tra i talk show della politica di prima serata. Secondo il nostro umilissimo avviso, perché la concorrenza ha scocciato, e il pubblico ha virato dal La 7 di Piazza Pulita e Di Martedì a Quarta Repubblica. E finora Porro si è dimostrato abile a conquistare spazio e a mantenerlo. In vista, secondo noi, di una prossima propaganda elettorale per sé stesso e i suoi ospiti di punta, Capezzone in primis, sostanzialmente replicando quello che Paragone ha fatto alla Gabbia (ora scomparsa) in previsione delle elezioni del 2018. Ricordiamo che Borghini era suo ospite fisso. Altro siparietto tra un focoso Tremonti e Alessia Morani, sottosegretario allo Sviluppo Economico, sull’economia. Porro è intervenuto varie volte per tentare di sedare la polemica, alimentata soprattutto da Tremonti, ma non c’è stato verso. Porro sarà sicuramente eletto, con la notorietà che sta conquistando, presumibilmente con la Lega. Ci chiediamo se, ad elezione fatta, Rete Quattro chiuderà la trasmissione. Che, in tal caso, sarebbe stata il trampolino di lancio di Porro.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*