Patto del Nazareno, analisi eterodossa

nazareno

L’ottavo (secondo i conteggi dei bene informati) incontro tra Berlusconi e Renzi ha confermato la sussistenza dell’intesa politica, almeno interlocutoria, almeno fino alla rottura. Sulla premessa che le elezioni politiche in primavera sono molto probabili e che comunque non possono essere escluse da politici previdenti, l’accordo sulla previsione di legge elettorale, divulgata e commentata ma non ancora definitiva, forse nemmeno nelle intenzioni, tende a manipolare l’opinione pubblica tramite la disinformazione e i sondaggi.

Renzi, in mancanza di scivolate clamorose, svolgerà il ruolo del pivot che gli è congeniale e che Berlusconi accredita da tempo. Se il Pd frana a sinistra, Renzi raccoglie a man bassa al centro con l’aiuto di Berlusconi, che consegna il suo pacchetto di voti. Primo partito. Se il Pd tiene, Berlusconi concorre al successo di Renzi mantenendo disgregato lo schieramento alternativo. Pd sempre primo partito. Le ali sono destinate ad assottigliarsi per via naturale.

Oggi, in effetti, non sono consentite previsioni di voto a sei mesi. Sono però consentite le manovre. Il tre per cento ambito da Alfano vale oggi nei sondaggi, ma potrebbe non valere domani nelle urne. Lo stesso dicasi per Grillo e, a maggior ragione, per le altre debolezze (non forze) della politica. Se le elezioni, invece, non venissero anticipate, l’indebolimento strutturale di Berlusconi e Forza Italia sarebbe accentuato a favore della Lega, che però non ha ancora, e potrebbe non avere mai, i numeri. A meno che Salvini non abbia successo nel tentativo di posizionamento atlantico (a questo sono dovute le sue provocazioni).

Ma non siamo più negli anni ’60 e ’70 e la legittima protesta contro l’immigrazione clandestina confligge con il quadro di complessiva destabilizzazione del Mediterraneo, completamente sottratto, tra l’altro, al controllo della marina italiana. La situazione è complessa, un decente world order è tutto da inventare (parola di Henry Kissinger) e Berlusconi sta trattando per una serena vecchiaia, salvo zampate dell’ultima ora. Alla natura non si comanda.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*