Non esiste una questione Craxi

craxi

Alla riscoperta di Craxi, nel ventennale della morte. Libri, giornali, televisioni, il film di Gianni Amelio, ne parlano come se fosse morto ieri, come se la vicenda o, meglio, la questione Craxi fosse nell’agenda della politica.

Per qualcuno, lo è. Più per la proposta, che per la riabilitazione dell’uomo, perché chi lo ha amato e stimato, non lo ha mai demonizzato. Ma quanti lo hanno veramente amato e stimato? Pochi, pochissimi.

E’ la dannazione dell’uomo di potere, circondato da yes men e funzionari servili delle sue ambizioni e delle sue bizze. Craxi è stato un uomo di grande potere, dotato di una personalità schiacciante, perfino smisurata e impegnativa, anche per lui, un abito che non ha potuto dismettere, che ha voluto e dovuto indossare fino alla fine. Come testimoniano i suoi scritti degli ultimi mesi e giorni e le persone che gli sono state vicine.

Indimenticabili le vignette di Forattini che lo raffigurano con gli stivali neri, mussoliniani. E’ stato il delfino di Nenni, ha avuto una visione della politica, costretta nei limiti della politica italiana della prima repubblica, fino alla caduta del Muro.

Per assurdo, quando la sua visione di un’Italia coprotagonista del mondo occidentale sarebbe servita al Paese, è stato detronizzato. Forse, non si è trattato di un caso. Da allora, l’Italia è priva di visione e di politica estera. Non solo adesso, con Di Maio.

Però non si può recuperare la sua visione. Craxi è stato consegnato alla storia e alla cronaca giudiziaria degli anni 90. Se n’è andato all’alba del nuovo millennio con il bagaglio di amarezze che trapelano dai suoi scritti. Comprensibili e, in un certo senso, anche legittime. Ora non esiste una questione Craxi. Esiste una questione Italia, che è tutt’altra cosa.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Leggi gli altri articoli
Foto Fabio Cimaglia / LaPresse.12-03-2014 Roma.Politica.Conferenza stampa dopo il Consiglio dei Ministri.Nella foto Giuliano Poletti..Photo Fabio Cimaglia / LaPresse.12-03-2014 Rome (Italy).Press conference after the Council of Ministers.In the photo Giuliano Poletti
Politica, Primo Piano / Poletti, ennesima dichiarazione shock