ITALY PARADOX: NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA SCIENTIFICA ANCHE PER IL COVID


Il prof. Giampietro Ravagnan  citato nell’articolo a firma del prof. Giampiero Comolli fa parte dello staff scientifico  di questo giornale da tempo ed ha firmato già molti interventi sul COVID 19,  quindi abbiamo chiesto un suo diretto parere

Che cosa significa Italy Paradox?

E’ una felice sintesi fatta dal prof Giampiero Comolli che è un grande esperto di enologia  e riprende il famoso French Paradox legato ai vini di Bordeaux  dopo che uno studio comparativo tra popolazione locale, consumatori di famosi vini rossi, ed altre popolazioni del nord Europa  ugualmente consumatori di formaggi ma di birra:   dimostravano nei primi un minor rischio di patologia cardiovascolare  e  questa differenza è stata chiamata French Paradox.

Comolli, con molta arguzia ma ineccepibile competenza nel settore,  in analogia definisce Italy Paradox  la situazione nella quale i consumatori di  polifenoli assunti tramite alimenti e bevande possono avere un minor rischio di forma grave di malattia da COVID 19.

Ma che funzione hanno queste molecole?

I polifenoli antiossidanti che si prendono con una dieta ricca e varia di frutta, verdure, thè, olio di oliva, vino rosso  ed alcune spezie hanno una funzione antiossidante e regolatoria del microbiota intestinale e nel loro complesso moderano anche la produzione di citochine proinfiammatorie; l’infezione da COVID 19, che è fortemente infiammatoria inducendo una cascata di citochine,   può essere mitigata da una dieta sana e corretti stili di vita anche in via preventiva.

Che esperienza clinica si ha con queste molecole?

Queste molecole sono utilizzate ormai da più di 10 anni nelle cosiddette Terapie Oncologiche Integrate (TOI) i cui risultati sono riportati in congressi medici internazionali e in articoli pubblicati su riviste scientifiche internazionali – vedi www.artoi.it –  ed i risultati, che  attengono prima di tutta ad una migliore qualità della vita dei pazienti oncologici oltre che spesso ad un aumento significativo  della speranza di vita,   possono essere letti da chi vuole approfondire questi temi

E la ragione di queste ricerche con il  COVID 19?

Parte da lontano con le prime ricerche fatte nel CNR  pubblicate nel 2001 su LIfe Sciences con lo studio sugli effetti immunomodulanti del resveratrolo sulla risposta immune umana,  poi ampliata in diverse ricerche che hanno avuto nel 2008 il sostegno del MIUR nello studio del glucoside naturale del resveratrolo chiamato polidatina; ricerche con risultati  oggetto di brevetti internazionali che sono alla base della produzione di integratori approvati dal Ministero della Salute.

Questa molecola è una fitoalessina  che nelle stesse piante svolge attività antimicrobica  e noi la assumiamo con diversi alimenti che fanno parte della storia dello sviluppo della civiltà umana e quindi l’attività antivirale era attesa.

 Come funziona?

Non è un antivirale in senso stretto , ma come abbiamo dimostrato nel lavoro pubblicato su BIOMOLECULES- vedi graphic summary-  la polidatina interagisce sia con la proteina spike del virus sia con il recettore ACE 2  e quindi limita l’infettività del virus: per questo l’abbiamo definita una sorte di “maschera biologica”  . I dati sono chiari ed oggetto di ulteriori approfondimenti.

Ma  è alternativa alla vaccinazione?

Assolutamente no, i vaccini anti COVID 19 sono una straordinaria  realtà frutto di ricerche di altissimo livello che partono   da lontano e vanno assolutamente fatti se vogliamo avere speranza di uscire dalla pandemia in tempi brevi.

Rimangono gli effetti di stress  correlati all’infezione che sono generalmente di medio-lungo termine e qui  i polifenoli naturali,   con le loro molteplici attività,  potranno essere di supporto come si indica nel lavoro, corredato anche  di una ampia bibliografia.

Il prodotto in commercio contenente polidatina , protetto da brevetti internazionali,  è commercializzato con licenza concessa dalla GLURES Srl, spin off del CNR, che ha contribuito al finanziamento del lavoro pubblicato.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*