Il tradimento della sinistra


Che la sinistra abbia tradito il suo elettorato, si vede dai numeri del risultato elettorale del 2018, dal travaso di voti verso la Lega e dalla proposta politica, contraria alle legittime aspettative del popolo della sinistra che fu.

Gli elettori chiedono tutela dei diritti sociali, in sostanza progresso e uguaglianza, e il Pd gli appioppa il gender, di cui la Cirinnà è una accanita divulgatrice, non isolata. Gli elettori chiedono un nuovo piano casa, che negli anni 50 tra l’altro fu firmato da Fanfani e non da Togliatti, e il Pd gli appioppa caterve di migranti e di rom che occupano quelle libere. E non solo quelle libere, anche quelle provvisoriamente libere, al punto che in alcuni paesi e città le persone più fragili hanno paura di uscire da casa.

Nel frattempo, Gozi, già sottosegretario e autorevole rappresentante del Pd, subito dopo un mandato di governo in Italia, viene eletto eurodeputato in Francia. Normale? Non si direbbe. Del Rio e Poletti, ex ministro del Lavoro, gaffeur e fan del calcetto più che dei curricula, prendono le distanze dal loro consigliere giuridico Benotti, noto per lo scandalo delle mascherine, e qualcuno nell’ombra, dalle parti del Nazareno, si stropiccia le mani nell’attesa che i prossimi gioielli nazionali siano messi in vendita. Dopo tutto, dalle privatizzazioni degli anni 90 sono passati più di 20 anni. Il tesoretto va rimpolpato!

Zingaretti passa da un abbraccio all’altro, si rimangia sistematicamente i progetti politici, urla verità che il giorno dopo diventano ipotesi di lavoro. Nel frattempo, Gozzini, illustre cattedratico senese, insulta ferocemente la Meloni, che ha il torto di essere rappresentante dello schieramento contrapposto. Riscuotendo tante critiche, molte visibilmente ipocrite, e non pochi applausi, mascherati quel tanto che basta.

Se non torna ai temi della tradizione socialista, quanto meno per ripresentarsi credibilmente alla prossima tornata elettorale, il Pd sarà scaricato anche dagli gnomi della finanza mondiale. Che l’hanno tanto amato.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*