Grillo, dal Vaffa Day alla Trilateral

Trilateral.svg

Il M5S si è affermato come movimento, pur essendo un partito come tutti gli altri, caratterizzato dalla protesta urlata dei Vaffa days di Grillo. Grazie alla purezza politica degli esponenti, il movimento si è scagliato con successo contro i partiti, accusandoli di corruzione e di incapacità (era successo prima alla Lega e in parte anche al Msi), e contro la speculazione economica e finanziaria, e ha raccolto voti nelle periferie delle città di Roma e Torino tra le fasce sociali che, a ragione, non si sentono rappresentate.

Il primo successo elettorale del movimento, alle politiche del 2013, è stato una sorpresa per tutti, forse per la stessa dirigenza del partito, che si è trovata alle prese con problemi di difficile soluzione ed ha proceduto per tentativi. L’inesperienza di governo politico e amministrativo, che si traduce in incapacità, a prescindere dalle qualità personali, è il principale addebito che gli viene mosso e se ne è avuta conferma. Ora, a Roma, la sindaca Raggi dovrà dimostrare ai cittadini romani, che si attendono risultati immediati, addirittura prima della fine della honey moon (quindi in pochi mesi), che il bastone di comando nelle mani sue e del direttorio del movimento, rappresentato da Di Maio, candidato premier in pectore, è meritato. Non sarà facile, a Roma molto meno che a Torino.

In questo bailamme, la polemica intervenuta tra Grillo e Claudio Messora sul fascino che la Trilateral eserciterebbe sulla dirigenza del movimento, non porta acqua alle scelte politiche e all’immagine protestataria del M5S. E’ comprensibile, quindi, il nervosismo di Grillo che annuncia querele (per che cosa? per sgradita analisi politica?), lui sempre così contrario, fin dai tempi delle sue boutade sull’ingordigia dei socialisti, nella Rai all’epoca felicemente lottizzata da Dc, Pci e Psi. Il M5S vuole dare una chiara dimostrazione della propria innocenza? Assuma iniziative politiche e giudiziarie in favore dei risparmiatori nei confronti delle rapine massificate che ogni anno vengono inferte al risparmio italiano.    

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*