Etro ex brigatista rosso a Non è l’Arena

raimondo-etro

Raimondo Etro è un ex brigatista rosso che ha scontato la pena ed ha abiurato apertamente il suo passato di militante della lotta armata, esecutore di reati gravissimi. Per questo, è considerato un traditore dall’ambiente di provenienza, ben più articolato di quanto si possa pensare, che lo ha completamente emarginato, e, d’altra parte, non è stato riammesso, per comprensibili ragioni, nella comunità civile.

Quest’anno, dopo anni di dimenticatoio, è tornato agli onori della cronaca, per avere polemizzato sui social con Barbara Balzarani, a sua volta ex brigatista, non pentita, e per essere beneficiario del reddito di cittadinanza.

Massimo Giletti lo ha invitato a “Non è l’Arena”, dopo la puntata a cui ha partecipato Luigi Saraceni, ex magistrato ed ex parlamentare, padre della ex brigatista Federica Saraceni. Ed Etro ha partecipato, interloquendo – si fa per dire – con Daniela Santanchè, Luca Telese, Selvaggia Lucarelli.

Poteva essere il documento molto interessante di un passato tragico della nostra storia nazionale. Non lo è stato, perché la Santanchè ha sostanzialmente impedito che Giletti lo intervistasse su ciò che agli spettatori sarebbe interessato di più: lo spaccato della sua vita precedente, il cui episodio più grave e più noto è la partecipazione al sequestro di Aldo Moro. Tuttora caratterizzato da ombre, come ha avvertito lo stesso Etro, malgrado i numerosi processi e le tre commissioni parlamentari.

E’ evidente che di quella strage non si saprà mai tutto. Né del progetto criminale e delle complicità diffuse, in Italia e all’estero, né dell’esecuzione.

Conversazioni
23 10 2019 - 08:14

Signor Scuro. Ha centrato il problema. Sono andato in diretta pur sapendo quello che mi aspettava ma speravo di poter dire delle cose sulle quali ho preso posizione da decenni. Santanché a parte, c’è un muro di omertà e di complicità da una parte e dall’altra.
Cordiali saluti
Raimondo Etro

Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*