De Luca, un presidente coraggioso!

vincenzo-de-luca

Vincenzo De Luca, presidente eletto della Campania, crocifisso ad una sua presunta “impresentabilità” due giorni prima del voto, ha rilasciato a Panorama una intervista interessante e coraggiosa. Non a caso, la parola coraggio è ricorrente nell’intervista, così come altre parole desuete del linguaggio politico, quali: dignità (della Campania e di Napoli), sicurezza, doppia morale (di una certa sinistra), trasparenza (delle scelte operative), libertà, opportunismo (del parlamento) e, soprattutto, concretezza operativa, a fronte della “palude burocratica che è una delle principali origini della corruzione”.

A Salerno De Luca c’è riuscito ed ora vuole lottare (perché sarà una lotta!) per Napoli. Se c’è uno che ce la può fare è lui, che ha coraggio, energia, intelligenza politica e senso pratico. Della sua condanna per abuso di ufficio, De Luca ha detto di avere sbagliato lessico, non comportamento, avendo impiegato un project manager invece di un coordinatore. Della legge Severino ha rilevato le incongruenze che dovranno essere risolte dal parlamento o dalla corte costituzionale.

Cantone, presidente dell’autorità anticorruzione, ha rilevato numerose esigenze di emendamento della legge, che viene criticata da giuristi al di sopra di ogni sospetto quanto meno per approssimazione. In conclusione dell’intervista, De Luca non ha certo edulcorato i termini quando ha detto di avere subito “la più infame campagna di aggressione politico-mediatica degli ultimi anni in questo paese. Vedrete quando si accenderanno i riflettori. Ci vorrà un po’ di tempo, ma alla fine si capirà quali interessi c’erano dietro”. Buon lavoro, presidente, e auguri alla Campania!

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*