Conte e Speranza, diteci la cura


Il Governo continua a imputare le morti da coronavirus agli “assembramenti” dei cittadini, che hanno il torto di uscire di casa, se e quando è consentito, e, se possibile, di continuare a lavorare per sbarcare il lunario. Però non dice il Governo quante di quelle persone morte sono uscite dai reparti di terapia intensiva e quindi, in sostanza, quante di quelle persone sono state effettivamente curate fino alla fine.

Lo ha detto Roy De Vita, celebre chirurgo, reduce dalla malattia e ancora convalescente, a Porta a Porta: soltanto il 10 per cento di quelle morti viene dai reparti di terapia intensiva. Le altre vengono da casa e da ricoveri tardivi in ospedale.

Questo dato non è mai stato comunicato dai portavoce del Governo e della Protezione Civile, che mettono le mani avanti per non cascare per terra, quando dicono che la medicina territoriale è stata distrutta e che la politica precedente (sempre quella precedente!) ha privilegiato la sanità privata a quella pubblica.

 Lo dicono perché sanno benissimo che è una colpa far morire le persone senza cura e senza prospettiva di guarigione, anche a 70 e 80 anni, anche quando si abbiano altre patologie.

Noi sosteniamo da tempo – e non abbiamo avuto risposta – che le autorità centrali, politiche e sanitarie, hanno la responsabilità di non avere divulgato e messo a disposizione del pubblico, viste le carenze della sanità, il protocollo di cura, da applicare subito a casa, all’insorgere dei primi sintomi.

Sempre De Vita, che va ringraziato per la chiarezza della dichiarazione, ha detto che la politica del wait and see (aspetta e osserva) poteva andare bene a marzo, ad aprile, e che ora è inaccettabile.

Invece, è proprio quello che accade, visto che le strutture sono inadeguate e che la cura non viene somministrata subito, quando serve, quando può guarire le persone. Nell’attesa del vaccino, signor Presidente del Consiglio e signor Ministro della Salute, tra un comunicato e l’altro, dite agli italiani di tutte le età che si possono e devono curare subito, all’insorgere dei sintomi, e dite come. Grazie.   

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*