Non più Caos per Trump

<> on July 30, 2018 in Washington, DC.

Il vis-à-vis di Conte e Trump alla Casa Bianca potrebbe segnare l’inversione di rotta della politica americana nel Mediterraneo, e cioè nel Vicino e Medio Oriente, oltre che in Nord Africa, e dichiaratamente in Libia. Il che significa che Trump potrebbe avere deciso di abbandonare la politica del Caos, per tornare all’Ordine, tramite nuove forme di alleanze.

Pochi giorni fa, Trump ha definito, forse con troppa enfasi, l’Europa nemica degli Stati Uniti, riferendosi, secondo noi, a Macron e alla Merkel, che hanno contribuito di persona a guastare il rapporto di Francia e Germania con gli Stati Uniti, e riservando prudentemente il giudizio sul Regno Unito, più che sulla May, che, sempre secondo noi, non rientra nel suo apprezzamento. La May è, agli occhi di Trump, una perdente, e Trump non ama i perdenti, o, almeno, quelli che lui considera tali.

E’ probabile che Conte e l’Italia siano, in questo momento, per Trump, un’occasione da giocare sullo scacchiere più ampio dell’Euroasia, in cui si trovano gli altri protagonisti (antagonisti) della scena mondiale. Conte e i suoi, memori della teoria dei giochi, che non si applica solo all’economia, hanno, a loro volta, un’opportunità da far valere nel rapporto bilaterale e nei rapporti multilaterali, sulla base di un progetto politico e di un piano. Ora, non l’anno prossimo. Il progetto dovrebbe essere, secondo noi, ambizioso, non limitarsi al contenimento del fenomeno migratorio, ma impegnare la prospettiva dello scenario subsahariano, oltre che libico.

Dambisa Moyo, economista di origine africana, ha scritto molto sulla inutilità dei contributi a pioggia per l’Africa (ne ha contati oltre 1000 miliardi) e sulla necessità di una nuova politica economica, differenziata in relazione alle caratteristiche dei Paesi interessati dall’intervento economico e finanziario. Ci torneremo. Per il momento, ci dobbiamo soltanto augurare che Conte e i suoi non vadano in vacanza e usino proficuamente le opportunità che si sono presentate.

 

 

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*