Alexandria Ocasio – Cortez, la nuova stella della politica americana

ocasio-cortez

E’ la più giovane parlamentare americana da sempre. Democratica, proveniente da un quartiere popolare, Alexandria Ocasio-Cortez è stata eletta con notevole margine di voti sull’antagonista repubblicano. I media americani si sono impadroniti della sua storia e della sua immagine e hanno cominciato a favoleggiare della sua prossima candidatura alla Casa Bianca in opposizione a Trump, che non esclude di succedere a sé stesso.

L’età, però, non lo consente, fin troppo giovane perfino per gli standard americani, che considerano ed eleggono trentenni e quarantenni a posizioni apicali della politica e della pubblica amministrazione.

A cosa è dovuto il successo di Ocasio-Cortez? Troppo facile rispondere che è giovane e bella e che il suo fidanzato è un esperto di social media. La capacità di emergere e di imporsi all’opinione pubblica non basta, è il presupposto dell’improvvisa e inedita popolarità, ma ci vuole altro. E Ocasio-Cortez ha dimostrato in campagna elettorale e dopo (diversamente da quanto accade in Italia) di essere preparata e dedita. E, soprattutto, di fare politica democratica (anche qui, diversamente dal Pd che, di democratico, ha solo il nome).

Le proposte della giovane parlamentare sono democratiche, possono trasformarsi in leggi, ma sono spina nel fianco della Pubblica Amministrazione sulla base delle leggi esistenti, dall’Antitrust al sistema del credito, all’equilibrio degli interessi di produzione e del consumo. Insomma, una vera politica democratica attuata nella realtà quotidiana dei cittadini americani, che le hanno ricambiato l’attenzione agli interessi generali con il voto. E continueranno a votarla, finché lei continuerà a mantenere le promesse elettorali.

In casa del Pd, non sanno nemmeno che la tutela degli interessi dei più deboli passa dall’Antitrust e dal sistema del credito, e, se lo sanno, si guardano bene dal dirlo e, soprattutto, dal praticarlo. Mentre, con la scusa della tenuta di sistema, proteggono gli interessi dei potentati economici. Ecco la differenza tra la Ocasio-Cortez e Zingaretti e i suoi predecessori alla guida del Pd.

 

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*