Sistema San Benedetto del Tronto

sbt3

L’intervista rilasciata a primapaginaonline da Sante Calvaresi, cittadino meritevole di San Benedetto del Tronto che vuole contribuire alla ripresa dell’economia locale, annuncia l’ambizioso proposito della messa a punto di un sistema in contrada San Giovanni, con laboratori di ricerca e incubatori di impresa funzionali alla crescita nel rispetto della tradizione agroalimentare e ittica del territorio.

E’ un progetto che richiede la dedizione dei cittadini più illuminati, l’impegno delle imprese più direttamente interessate dalla ricerca e dallo sviluppo e l’attenzione delle istituzioni, talvolta distratte da polemiche personali e pregiudizi ideologici. Il dibattito sugli Ogm tra il ministro Martina e la senatrice Cattaneo è soltanto un esempio.

Non è un caso, però, che di recente Lucrezia Reichlin, economista, ha osservato sul Corriere della Sera che “in Italia ciò che ostacola la crescita è la scarsa solidità delle nostre istituzioni, non la mancanza di risorse”.

A San Benedetto le risorse ci sono. Le tradizioni non mancano, ci sono biodiversità, un territorio fecondo e cultura tecnica e scientifica, rappresentata anche dal prestigioso istituto di scienza della nutrizione. Ma non mancano nemmeno ottusità e avidità personali, come in qualsiasi altra località del mondo, a cui la società sambenedettese non risparmierà l’emarginazione sociale.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*