Molluschicoltura, un mercato in crescita


Di recente abbiamo già trattato la rilevanza della molluschicoltura nel mercato di riferimento. Si tratta di un mercato in espansione e, ad oggi, ancora poco noto ai non addetti ai lavori.

Per offrire maggiori informazioni ai nostri lettori abbiamo intervistato il dott. Eraldo Rambaldi, Direttore dell’Associazione Mediterranea Acquacoltori (A.M.A): laureato in scienze biologiche, esperto dei settori della biologia marina, della pesca professionale e dell’acquacoltura, riveste questo incarico in A.M.A dal 2010, occupandosi degli aspetti tecnico-scientifici e normativi (principalmente nel settore della molluschicoltura nazionale) e svolgendo anche il ruolo di rappresentante presso le Istituzioni a tutela dei players del mercato di riferimento.

Il dott. Eraldo Rambaldi , direttore dell’A.M.A.

Dott. Rambaldi, quante persone sono coinvolte nel settore dell’acquacoltura in Italia?

Secondo i più recenti dati EUROSTAT, nel 2019 l’Italia, con circa 126.000 tonnellate, rappresenta l’11.3% del volume delle produzioni di acquacoltura dell’UE, al quarto posto dopo Spagna, Francia e Grecia.

Notevole. A quanto ammonta la mole d’affari della molluschicoltura?

La molluschicoltura, a livello nazionale, rappresenta circa il 60% del totale allevato, con un valore di produzione pari a circa 180 mln di euro.

Ritengo che, considerando anche il fatturato aggregato, i numeri diventino ancor più rilevanti, corretto?

Sempre nel 2019 sono state censite n°386 imprese di produzione molluschi (56%) sul dato nazionale, con un totale di addetti alla produzione pari 3.713 unità, che risponde al 78% di tutto il settore dell’acquacoltura nazionale.

Pesca ed Acquacoltura sono  pratiche anch’esse millenarie e, tuttavia, ancora poco utilizzate, rispetto al potenziale che possono esprimere, senza considerare che ormai vengono utilizzate tecniche colturali ad impatto ambientale nullo.

Nella molluschicoltura, infatti, l’accrescimento del prodotto non richiede energia e mette sul mercato un prodotto molto nutriente: 10-11 gr di proteine, ad alto valore biologico (quantitativo inferiore a carne e pesce ma paragonabile a quello delle uova), con vitamina B12 ed altri nutrienti ad un prezzo decisamente contenuto, oltre ad essere ottimi per il palato!

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*