EXPORT DI AUTOMOBILI EU IN COREA DEL SUD, IL DOPPIO IN SOLI 5 ANNI

export-auto

Nel 1987 erano solo 10 le auto non Coreane ufficialmente registrate nel territorio nazionale, in un’epoca in cui possedere una macchina estera era simbolo di benessere ed esclusivita’ ed il tutto accompagnato da politiche economiche nazionali fortemente protezionistiche, le quali puntavano esclusivamente allo sviluppo del mercato interno.

Oggi la Corea del Sud occupa la settima posizione nella classifica di importatori extracomunitari di autovetture Europee (nel 2012 occupava il dodicesimo posto), mentre occupa l’ottavo posto per quanto concerne il mercato generale dell’importazione ed esportazione della totalita’ dei beni di consumo “Made in EU”.  L’Italia, parallelamente, e’ il quinto partner commerciale Europeo, con tassi di importazione ed esportazione mediamente bilanciati fra loro.

tab1-corea

Negli ultimi 5 anni, i numero di vetture “Made” in EU importate in Corea del Sud e’ aumentato esponenzialmente in parte grazie all’entrata in vigore del FTA (Free Trade Agreement) tra Corea del Sud ed Unione Europea, tanto che la quantita’ complessiva di autovetture importate e’ aumentata del 95%. In termini economici, la crescita ha raggiunto il tasso del 153%, passando da 2.49 miliardi di Euro nel 2012 a oltre 6.38 miliardi di Euro nel 2017.

La stessa tendenza positiva si verifica, seppure con toni piu’ moderati, anche per quanto riguarda il settore delle importazioni di autovetture Coreane verso i Paesi Europei, dove il tasso di crescita si ferma a un 13%. Una delle possibili cause di tale drastica disparita’ di crescita dei due mercati puo’ essere riconducibile alla decisione dei grandi produttori Coreani di avviare nuovi processi di produzione delle automobili “in loco”, in modo particolare nei Paesi dell’Est Europa, limitando cosi’ il mercato delle esportazioni di autovetture e dando una spinta notevole all’esportazione di macchinari industriali, componenti automobilistiche ed apparati elettrici.

tab2-corea

KAIDA, la “Korean Automobile Importers and Distributors Association”, commenta positivamente il trend finora in atto e guarda fiduciosamente al futuro, puntualizzando che “le autovetture importate eccellono qualitativamente non solo nelle loro performance ma anche in termini di sicurezza e servizi, dimostrandosi un catalizzatore anche per lo sviluppo tecnologico delle auto domestiche”.

Fonte: Italian Chamber of Commerce in Korea

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*