Parcelle legali, siamo alle coltellate

m_7pw9

Nei giorni scorsi è stata diffusa la notizia che un avvocato, esasperato per il mancato pagamento della parcella da parte del cliente, peraltro pienamente soddisfatto dell’esito della prestazione professionale, è ricorso al coltello per sollecitare sbrigativamente la definizione delle sue spettanze. Ne è scaturito un parapiglia e l’autorità giudiziaria ha avviato una indagine.

La vicenda merita di essere commentata al di là del dato di cronaca. Il diritto di credito dell’avvocato è poco tutelato dalla legge, molto meno nella pratica. Il patto di quota lite, che i clienti molto spesso richiedono nelle cause risarcitorie, è apparso per lo spazio di un mattino. La liquidazione dell’ordine professionale è onerosa e non agevola sostanzialmente l’iter processuale. I giudici non sono inclini a grandi riconoscimenti. L’attività ancillare della pratica, complicata dai disservizi di giustizia, non viene soddisfatta adeguatamente. Gli strumenti di cautela, che nelle more del processo possono costituire un fattore di garanzia e di deterrenza, trovano poca accoglienza.

Il cliente impresa può fallire e la parcella entra nel novero dei crediti destinati ad essere soddisfatti dopo anni di procedura concorsuale. Di solito accade che l’avvocato esasperato abdica ai propri diritti e accetta una proposta miserrima, accompagnata dal famigerato aforisma romano “se no famme causa”. Questa volta l’avvocato esasperato, presumibilmente a seguito della rottura della promessa di pagamento, ha sbroccato.

E’ giustificato il ricorso alle mani o, peggio, al coltello? Ovviamente no. Però, l’uguaglianza di trattamento dei cittadini rispetto alla tutela della legge ne esce svilita o compromessa. Gli organismi di rappresentanza dovrebbero farsi sentire, in questa materia, così come in altre, tra cui la effettività della concorrenza. Il giornale ne parlerà ancora.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Leggi gli altri articoli
Feel free to use this image, just link to www.SeniorLiving.Org  This microstock required lots of post processing to get the blue tint. I also needed a bounce card to  get more detail in the glasses.
Economia, Primo Piano / Srl, il falso in bilancio
giurisprudenza-bg
Economia, Primo Piano / Tempi duri per le srl