Marketing: BNL, lo stai facendo nel modo sbagliato

bnl_siro

La nuova campagna pubblicitaria di BNL non è cominciata nel migliore dei modi. Anzi, si può affermare che gli architetti, rappresentati nello spot come professionisti un po’ pigri, non abbiano affatto gradito il messaggio ( e ci mancherebbe altro!) apparso sui cartelloni. Soprattutto perché gli architetti – chiunque ne conosca uno potrà confermarlo – hanno la generosa attitudine di cominciare la propria attività addirittura in orari antelucani. Affrontano, di buon grado, interminabili code nell’infernale girone del dipartimento comunale, o negli uffici tecnici distaccati nei vari Municipi, consapevoli di dover quotidianamente verificare lo stato umorale dell’impiegato di turno, a cui è affidato il buon esito della pratica da presentare.

Non c’è da stupirsi, quindi, che la categoria abbia manifestato un discreto risentimento, meritevole di essere rappresentato al responsabile marketing della banca. Con ciò, non è nostra intenzione lanciare un j’accuse all’ideatore della campagna pubblicitaria, ma provocare una riflessione sul tema certamente si. Architetti, avvocati, consulenti e l’intero mondo delle partite IVA, nell’ultimo decennio sono stati tutti vessati dalle tasse, dalle difficoltà di avviamento e dalla scarsa tutela offerta dal sistema ai crediti professionali (spesso ingenti ed irrecuperabili), per cui, mai prima quanto in questa circostanza, è vero il vecchio adagio che oltre al danno è arrivata  la sempre temuta beffa.

Dulcis in fundo, lascia qualche perplessità anche la seconda parte della pubblicità e, in particolare, il senso del messaggio che s’intende comunicare:  gli architetti donne, così risulta dall’immagine e dal contesto, per la BNL si svegliano tardi, ma alla fine poco dovrebbe contare perché, con un prestito della banca, saranno comunque delle bellissime spose! Insomma, a dirla tutta, non ci resta altro da pensare che proprio alla BNL ci sia qualcuno che, in realtà, non è troppo sveglio. Purtroppo per loro, però, in questo caso, non dipende dalle ore di sonno.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Leggi gli altri articoli
Liberali e proibizionismo
Cultura e società / Liberali e proibizionismo