La maschera democratica dell’oligarchia

cover

E’ il titolo di un libro, pubblicato da Editori Laterza sotto forma di conversazione a tema tra Gustavo Zagrebelsky, Luciano Canfora e Geminello Preterossi, molto critico nei confronti del sistema finanziario, che ha forgiato (in peggio) l’evoluzione della democrazia, ed è meritevole di lettura, di approfondimento e di dibattito. Gli autori concordano che la democrazia come principio, come forma di legittimazione dell’attività di governo nelle società occidentali, come previsione del processo di partecipazione dei cittadini alla  vita pubblica, non è in discussione.

Ma, nella realtà, l’oligarchia, il governo dei pochi che si sottraggono alle regole del controllo e dell’avvicendamento, perpetuandosi nelle funzioni di leadership, si insinua nei gangli della società e usurpa il potere, che si coniuga con il denaro. Potere e denaro si alimentano reciprocamente, sviliscono i principi fondanti della carta costituzionale e delle libertà democratiche, influenzano la politica. Cosa si può fare per sottrarsi allo stato di sudditanza in cui gli oligarchi riducono i cittadini? Gli autori non offrono risposta.

Constatano la sussistenza di un doppio circuito di legalità, che esclude, di fatto, la parità dei cittadini di fronte alla legge, e ravvisano una grande difficoltà perfino nella identificazione delle persone che manovrano subdolamente le leve del potere. Il Nuovo Mille condivide in gran parte l’analisi e la critica, ma non concorda sulla necessità degli esiti (negativi).

Il mondo della cultura e del diritto, rappresentato proprio dai tre illustri autori, è in grado di influenzare il dibattito pubblico e non poche scelte di politica del diritto, molto più di quanto non sia in grado, ad esempio, il Nuovo Mille non si esime dal confronto pubblico e offre le sue colonne per contrastare l’oligarchia in favore della democrazia e della libertà. I tre virtuosi intellettuali sono invitati a partecipare al dibattito coinvolgendo loro colleghi, allievi, amici e sostenitori

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*