Con la cultura si mangia, a condizione che…

Fountain in Navona Square in Rome city center.

“Con la cultura non si mangia”, Tremonti ha smentito di averlo mai detto. Peccato!

Perché è vero che con la cultura non si mangia, se non a determinate condizioni di contesto economico e sociale. Che in Italia tendono pericolosamente a sparire.

Non è soltanto questione di accoglienza del turista in albergo, come ogni tanto dice Briatore, intendendo strutture ricettizie di grande livello. E’ questione di accoglienza diffusa nel Paese, e quindi di strade pulite, di locali per tutte le tasche e di personale disponibile e preparato. Il degrado, che investe Roma e più o meno tutte le città e cittadine, con alcune felici eccezioni, di certo non aiuta.

Anche in passato, nel 700 e 800, l’Italia è stata meta di viaggi culturali. Si chiamava Grand Tour. Stendhal, appassionato dell’arte italiana, ha dato il nome alla sindrome dello svenimento provocato dalla bellezza delle opere d’arte. In Campania e in Sicilia hanno dimorato felicemente scrittori e pittori. Allora, l’attrazione era anche offerta dal paesaggio rurale, dalla semplicità dei costumi e dalla genuinità del cibo, che i visitatori si potevano permettere rispetto alla popolazione locale, mediamente povera, nel Sud, così come nel Nord.

Ricordiamo il bel film di Olmi L’albero deli zoccoli, ambientato nella provincia bergamasca di fine 800. Vogliamo tornare a tutto questo? Se non vogliamo questo e non vogliamo la “decrescita felice”, che piace a Grillo e ai ricconi come lui, il contesto culturale artistico e paesaggistico deve essere arricchito dal contorno civile e sociale, e, quindi, dal benessere diffuso anche nella popolazione locale. Che richiede sviluppo industriale e funzionamento delle infrastrutture materiali e immateriali. Condizioni imprescindibili.

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*

Leggi gli altri articoli
Felicity Jones stars as Ruth Bader Ginsburg in Mimi Leder's ON THE BASIS OF SEX, a Focus Features release.
Cultura e società / Una giusta causa