Carlo d’Inghilterra, principe sul pisello


Carlo d’Inghilterra, principe ereditario della Corona britannica, scalpita da anni perché la Regina Elisabetta abdichi in suo favore. La Regina, senza fornire spiegazioni attendibili, resiste. Molti nel mondo la criticano, attribuendole, quanto meno, eccesso di protagonismo. A 90 anni suonati, tutto sommato, secondo i critici più solerti, la Regina potrebbe fare posto al figlio settantenne. Da ambienti di Buckingham Palace trapelano, però, notizie sulle abitudini personali del principino che non solo danno ragione alla resistenza della Regina, ma inquietano fortemente i cittadini del Regno Unito sulla prospettiva della incoronazione di Carlo.

Per chi lo immaginasse impegnato mattina e sera nel disbrigo degli affari connessi al ruolo, impegnato nello studio della Ragion di Stato, non dovrebbe essere ininfluente apprendere che il Principe indulge in abitudini da “principessa sul pisello” (che, nella favola di Andersen, accusa la presenza di un pisello posto sotto una consistente pila di materassi). Carlo, quando si reca in visita dagli amici, si fa precedere dal suo materasso e da una coppia di quadri molto amati, e, comunque, rinvia la visita ad oltranza, se il suo giardino privato ha l’occasionale pregio di essere illuminato dal sole. Il valletto d’ordinanza è addetto, tra le altre funzioni, a spremere il dentifricio sullo spazzolino e a selezionare attentamente la carta igienica. Noblesse oblige, sembra che nel gabinetto  principesco sia ammesso soltanto un certo tipo di carta.

Come dare torto alla Regina, che, come molti altri reali consapevoli del ruolo e dotati di un sano pragmatismo, si trova al turnaround della monarchia, a rischio di repubblica, se pospone il momento fatale delle consegne! Nel frattempo, i figli di Carlo crescono e si preparano, e sembra che –  buon per il Regno Unito – siano di tutt’altra pasta.  

Conversazioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*